Home Rolling Affairs News

Un Oscar gigante a forma di Kanye West è apparso a Los Angeles

La celebrità è un'arma a doppio taglio e pare che anche Kanye West se ne sia accorto nel corso dell'ultimo anno. L'artista Plastic Jesus, proprio per questa ragione, ha dedicato al rapper il suo personale monumento, perché non è tutto oro quel che luccica

LOS ANGELES, CA - FEBRUARY 22: Artist 'Plastic Jesus' unveils his sculpture, titled 'False Idol' only yards away from the site of this year's Oscars at Hollywood & Highland on February 22, 2017 in Los Angeles, California. (Photo by AaronP/Bauer-Griffin/GC Images)

Anche quest’anno, come se fosse una sorta di tradizione annuale, durante la settimana degli Oscar, l’artista di Los Angeles Plastic Jesus ha svelato una nuova, enorme statua, questa volta a forma di Kanye West. L’opera, un gigantesco Gesù dorato, è stata esposta sull’Hollywood Boulevard. «Sono poche le celebrità ad essere state trasformate in figure divine» ha dichiarato Plastic Jesus a Rolling Stone a proposito del suo ultimo progetto. «Il ruolo che rappresentano nella società e nella cultura è molto più grande del loro lavoro. Penso che questo sia quello che è successo a Kanye».

Le braccia aperte, i chiodi nelle mani, la muscolosa statua di resina acrilica, dipinta d’oro, porta al collo un medaglione con il viso di Gesù. Oltre al perizoma, la statua indossa anche un paio di sneakers Yeezy – il marchio di Kanye. Il viso senza espressione di Kanye West è stato modellato da Ginger, artista di Los Angeles famoso per aver scolpito le cinque statue di Donald Trump nudo apparse in giro per gli Stati Uniti la scorsa estate in occasione di una collaborazione con il collettivo di street art Indecline. Sulla testa di Kanye è poggiata una corona di spine che Plastic Jesus sostiene di aver acquistato “in Terra Santa”, su eBay, per 8 dollari.

Con i suoi due metri d’altezza, considerando anche la piattaforma recante la scritta “False Idol”, l’opera d’arte è il quarto esemplare di una serie prodotta dal “profeta del polistirene”. Tre anni fa, poco dopo la morte per overdose dell’attore Philip Seymour Hoffman, Plastic Jesus espose una gigantesca statua a forma di Oscar sull’Hollywood Boulevard – questa volta il soggetto era un uomo che si iniettava eroina nel braccio sinistro. Poi è arrivato il momento della statua a forma di Oscar che pippa cocaina, nel 2015, e, l’anno scorso, l’Oscar-stripper in posa sui tacchi. Con queste opere d’arte esposte in luoghi pubblici, Plastic Jesus vuole attirare l’attenzione sul “lato oscuro” dell’industria dell’intrattenimento. «Veniamo a sapere di celebrità che vanno in rehab per la prima o la ventesima volta» afferma Plastic Jesus. «Ma ci sono persone che non possono permetterselo. Non dimentichiamoci dei tecnici della luce dipendenti dalla cocaina o dei truccatori alcolisti o degli scrittori che vivono i loro giorni depressi in stanze buie».

Con la statua di quest’anno, Plastic Jesus ha deciso di lavorare sul “culto del successo”, cioè su come la società posiziona le celebrità su un piedistallo divino. «Spesso dimentichiamo che si tratta di esseri umani» dice Plastic Jesus dei suoi più famosi concittadini. «Quando mostrano un lato umano e vivono un qualche tipo di fallimento nel loro lavoro o nella loro vita privata, allora finiamo per crocifiggerli». L’artista ha notato questo comportamento di massa quando Kanye West è stato ricoverato lo scorso autunno per curare la propria salute mentale. «Eravamo tutti in attesa degli ultimi aggiornamenti; aspettavamo il nostro pezzo di carne. Se ripensiamo a otto anni fa, Britney Spears ha vissuto lo stesso trattamento».

La scorsa estate, come segno di protesta contro le posizioni sull’immigrazione di Donald Trump, Plastic Jesus ha posizionato un muro di cemento in miniatura attorno alla stella del Presidente sulla Hollywood Walk of Fame. Da quel momento in poi, l’artista ha continuato la sua crociata contro il miliardario diventato presidente producendo dei cartelli, disponibili per il download sul suo sito web, con frasi come “Stop Making Stupid People President” e, successivamente, posizionando volantini pubblicitari con scritto “Trump Golden Shower Head” sotto alcuni rubinetti da doccia in vendita in tre diversi negozi Home Depot. A chi dovesse interpretare queste opere come arte contro l’Academy, Plastic Jesus risponde, «Gli Oscar non devono essere interrotti. La premiazione è un’importante celebrazione dell’abilità, del talento e dell’impegno dell’industria», tutte cose che Plastic Jesus ammira.

Controllata da «due corpulente guardie di sicurezza», come dichiarato sul comunicato stampa dell’artista, la statua di Kanye West non ha causato «alcuna contestazione». L’opera riapparirà il 25 febbraio all’interno della mostra che Plastic Jesus inaugurerà presso il quartiere generale di Gibson Guitars sul Sunset Boulevard – nel luogo dove una volta c’era l’iconico negozio Tower Records. Per il futuro, dichiara Plastic Jesus, possiamo aspettarci altre opere a tema Trump, che «appariranno nelle prossime settimane».

Leggi anche