Home TV & Serie

Saverio Raimondo torna in TV (in pigiama)

Il comico promette 40 minuti di stupidità settimanale nel suo nuovo programma, 'Pigiama Rave'. Qui una clip in anteprima: il dress code non ve lo diciamo neanche.

Saverio Raimondo torna in televisione e lo fa in pigiama. Sì, perché il suo nuovo programma che parte il 7 dicembre alle 23.15 su Rai 4 si chiama Pigiama Rave, ma soprattutto perché sia lui che gli ospiti saranno rigorosamente in tenuta da notte. «Gli ospiti devono presentarsi come vanno a dormire. Se uno va a dormire nudo, beh, io avviso la Rai: andrà in onda nudo».

Il comico promette 40 minuti di stupidità settimanale.. «C’è un estremo bisogno, immunitario, di stupidità, leggerezza. E non ci saranno virologi, noi parliamo di ondate con i surfisti». Suona già come un’ottima notizia.

Un programma tv in smart working, un late night show con protagonisti ospiti dello spettacolo, dello sport, del costume, della musica, della cultura, ma anche personaggi provenienti da mondi curiosi meno noti ai telespettatori. «Se l’emergenza Covid-19 ha messo a soqquadro le nostre vite, ha anche dimostrato che la tv può essere fatta con mezzi più contemporanei, informali e senza filtri», si legge nel comunicato stampa.

«Non immaginatevi cose tipo le dirette Instagram. Qui gli ospiti saranno coinvolti in attività, non vogliamo la monotonia dei social. Si è sempre detto che la Televisione entrava nelle case degli italiani, con Pigiama Rave… entra, esce, svuota il frigo, usa il bagno, ruba l’argenteria e non saluta».

E Raimondo ha anche le idee chiare sul ruolo della televisione in un periodo come questo: «Fare tv è molto più interessante contemporaneo che fare il web. La rete è diventata conformista, moralista, snob. C’è un bigottismo che spaventa. La TV, ora, ha una possibilità di fare uno scatto di reni e diventare cool».

Si parte lunedì quindi, con Leonardo Fioravanti dalle Hawaii, Frankie Hi NRG, Margherita Vicario e la regina degli scacchi italiana Marina Brunello. Voi mettetevi in pigiama, che al resto ci pensa Raimondo.