Home TV News TV

Trovato il corpo di Naya Rivera, l’attrice di ‘Glee’ scomparsa nel lago

Confermata la morte della star 33enne, dopo le difficili ricerche iniziate l'8 luglio

Naya Rivera. Foto: Imeh Akpanudosen/Getty Images

È stato trovato il corpo di Naya Rivera, l’attrice nota per la serie tv Glee scomparsa l’8 luglio nelle acque del lago Piru, a un centinaio di chilometri da Los Angeles. L’attrice 33enne aveva noleggiato una barca insieme al figlio di 4 anni, Josey, trovato da solo sull’imbarcazione dal personale dell’agenzia insospettito dal ritardo della donna: è stato il bambino a dichiarare alla polizia che la madre era andata a fare una nuotata, per non tornare mai più a bordo.

Le indagini – che hanno escluso le ipotesi di suicidio avanzate in rete anche da molti fan della serie – sono state difficili, considerati anche le correnti e il fondo melmoso del lago. Ma lunedì 13 luglio è stato rinvenuto un corpo, che si è ovviamente rivelato essere quello di Rivera.

Dopo piccole partecipazioni a telefilm come Willy, il principe di Bel-Air e Baywatch, Naya Rivera aveva trovato la popolarità grazie al ruolo della cheerleader lesbica Santana Lopez nel teen show creato da Ryan Murphy. Era inoltre nota per il videoclip del brano Sorry dell’allora fidanzato Big Sean. La sua morte è un nuovo triste capitolo in quella che ormai per tutti è “la maledizione di Glee“. Prima di lei, nel 2013 – e, per ironia della sorte, proprio il 13 luglio – era stato trovato morto in seguito a un’overdose letale di eroina e alcolici Cory Monteith, che interpretava il quarterback Finn Hudson; e Mark Salling, che invece dava il volto al personaggio di Noah Puckerman, si era tolto la vita due anni fa un mese prima del processo per pedopornografia che lo vedeva sul banco degli imputati.

Leggi anche