Home TV News TV

‘Temptation Island’ batte persino Pornhub: il trash è la vera masturbazione

I dati esclusivi della piattaforma parlano chiaro: durante le sei puntate del reality di Canale 5 il traffico del sito è crollato. Pianti e sclerate tv, almeno il lunedì sera, tirano più del porno. E stasera c'è la finale...

Artwork di Stefania Magli

Dopo 21 giorni questa sera cala il sipario su Temptation Island, programma da record della tv italiana, capace di conquistare più del 20% di media di share con 4 milioni di spettatori a puntata. Merito di un copione semplice e quasi diabolico: sei coppie di fidanzati che mettono alla prova il loro amore tra le mura di un villaggio vacanze sardo, tentati da veline e palestrati con sopracciglia a gabbiano. Tante emozioni sia per gli appassionati di ascolti sia per i cultori di trash televisivo, che come ogni anno riversano sull’isola dei fidanzati in crisi le ansie derivanti dalle ferie di Maria De Filippi (che per altro produce lo show).

Le tre ore settimanali di Temptation colmano le mancanze, e influiscono anche nelle visualizzazioni di siti che contengono video decisamente più pruriginosi di quelli mostrati da Filippo Bisciglia nei falò di confronto: le piattaforme di streaming porno. Non ci credete? Pornhub, ci ha comunicato in esclusiva come varia il suo traffico nel nostro Paese durante la messa in onda del programma. Guardate qui:

Come si vede, ogni lunedì il traffico inizia a diminuire lentamente prima dell’inizio della puntata del reality, per sprofondare durante la messa in onda e tornare al livello medio soltanto intorno alle 23, orario in cui resistere davanti alla tv diventa difficile anche per Filippo Bisciglia.

Durante le prime tre puntate (linea verde, rossa e gialla), il traffico ha avuto un vero e proprio crollo in concomitanza con la prima parte dello show. I problemi di cuore tra Jessica e Andrea o Nunzia e Arcangelo hanno appassionato in maniera crescente gli utenti, visto che di settimana in settimana il picco in negativo è stato sempre più accentuato. Trend non confermato dalla quarta puntata, che ha fatto diminuire il traffico Pornhub solamente del 4%. Cosa significa? Che, come in ogni evoluzione darwiniana che si rispetti, l’uomo Mediaset-Mediaset ha sviluppato una nuova abilità: quella di guardare la TV senza rinunciare ai porno. Abilità da sfoderare solamente nelle occasioni speciali, e infatti ecco diminuire nuovamente il traffico del sito di 9 punti percentuali durante la semifinale di lunedì scorso.

Un altro dato interessante è che durante la messa in onda del programma gli italiani hanno iniziato a cercare Temptation Island su PornHub. Forse nella speranza di trovare qualche cut a luci rosse, o, meglio ancora, contenuti hard girati dai protagonisti prima di partecipare allo show. Il 22 giugno e il 2 luglio, durante due delle serate su Canale 5, le ricerche hanno subito un aumento di oltre il 150%. Lo vedete nel grafico qua sotto: 

Questa sera il grande epilogo, in cui si scoprirà quali delle tre coppie superstiti sopravviverà anche agli ultimi 200 minuti di tentazioni, pianti e sclerate fotoniche. Per i concorrenti rimasti single – così come per tutti noi –, da domani l’amore si potrà tornare a farlo da soli, senza più controprogrammazione tv.   

Leggi anche