Home TV News TV

‘Suburra’, arrestato l’attore Adamo Dionisi

L'interprete del boss del clan Anacleti avrebbe picchiato una donna e distrutto una camera d'hotel a Viterbo

Adamo Dionisi, l’attore che interpreta il boss degli zingari Manfredi Anacleti in Suburra (sia nel film che nella serie), è stato arrestato a Viterbo dopo aver dato in escandescenze in un noto hotel termale, distruggendo la stanza e picchiando la donna che era con lui, stando a quanto riporta Il Messaggero.

Il 52enne, che stava trascorrendo qualche giorno di riposo prima di recarsi in Francia per lavoro e aveva bevuto troppo champagne, si sarebbe scagliato anche contro i poliziotti intervenuti.

Processato per direttissima con le accuse di violazione di domicilio, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale, Dionisi è stato rimesso in libertà con il divieto di avvicinarsi alla donna e il processo è stato rinviato al prossimo 19 gennaio.

«La mia ex dopo aver saputo che ero a Viterbo mi ha raggiunto, ha preso una camera nel mio stesso hotel e poi abbiamo discusso. Chiedo scusa. Ripagherò tutto» ha detto Dionisi al giudice.  

L’attore, ex capo tifoso del gruppo ultras laziale Irriducibili, aveva lavorato anche con Abel Ferrara nel film Pasolini e aveva cominciato a studiare recitazione nel carcere di Rebibbia, dove si trovava nel 2001 a causa di un altro arresto per droga.

Leggi anche