Home TV News TV

‘Stranger Things’, il debutto della quarta stagione sarà rimandato?

Lo ha detto David Harbor: "Avrebbe dovuto uscire all'inizio del prossimo anno" ma, come molte altre produzioni televisive e cinematografiche, la serie sarà "probabilmente rimandata" a causa dell'attuale crisi sanitaria

David Harbor ha rivelato la data di uscita della quarta stagione di Stranger Things, anche se ha sottolineato che con tutta probabilità sarà rimandata a causa dell’epidemia da coronavirus.

Prendendo parte a un Q&A live su Instagram, l’attore, che nella serie interpreta il capo della polizia di Hawkins Jim Hopper, ha ammesso che i nuovi episodi avrebbero dovuto debuttare all’inizio del 2021: “La quarta stagione avrebbe dovuto uscire all’inizio del prossimo anno, credo, anche se non ho potere su questo”. Ma ha aggiunto che, proprio come molte altre produzioni televisive e cinematografiche, la serie sarà “probabilmente rimandata” a causa dell’attuale crisi sanitaria.

La scorsa settimana, Harbor ha rivelato di essere partito da New York alla volta del Regno Unito per trascorrere del tempo con la compagna Lily Allen, dopo che il set di Stranger Things ad Atlanta era stato bloccato: “Ho ricevuto un’e-mail dai produttori in cui dicevano che avremmo sospeso tutto per un paio di settimane”, ha spiegato l’attore. “Non sappiamo cosa significhi tutto ciò. La mia speranza è torneremo a girare il prima possibile, ma Lily ed io abbiamo anche suggerito che la quarta stagione potrebbe essere animata”.

Leggi anche