Home TV News TV

Il successo di “Orange is The New Black” arriva finalmente in Italia

Nella quarta stagione ne vedremo delle belle. Così dicono Kate Mulgrew e Taylor Schilling che abbiamo incontrato per il debutto italiano di Netflix

La locandina di Orange is the New Black, in Italia dal 22 ottobre 2015

La locandina di Orange is the New Black, in Italia dal 22 ottobre 2015

Kate Mulgrew ha il fascino delle star hollywoodiane di un tempo. Poco importa se nella sua carriera può annoverare di essere la prima donna ad aver condotto la Starship Enterprise di Star Trek: Voyager, oggi l’attrice americana è universalmente nota per il ruolo di Galina “Red” Reznikov, la cuoca russa della prigione in cui è girata la serie Orange is the New Black, trasmessa in streaming da Netflix. Seduta accanto a lei, Taylor Schilling sembra una bambina spaesata, un po’ come il suo personaggio Piper Chapman, che si trova a dover rinunciare ad una vita perfetta insieme al fidanzato per scontare un anno di carcere.



Secondo voi a cosa è dovuto il successo della serie Orange is The New Black?
Kate Mulgrew: Quello che attrae il pubblico è soprattutto l’attinenza con la realtà. Troppo spesso nelle produzioni hollywoodiane l’asticella è fissata troppo in alto. Pensiamo, ad esempio, a Sex & The City: è assolutamente impossibile per una donna comune somigliare alle protagoniste di quella serie, sempre glamour, sempre perfette. In Orange is The New Black le donne sono in galera, ma sono belle lo stesso, anche senza troppi orpelli.
Taylor Schilling: Lo show è abbastanza coraggioso da mostrare le persone esattamente come sono.

in questa serie tv le donne sono in galera, ma sono belle lo stesso

In cosa pensate di somigliare ai vostri rispettivi personaggi?
KM: Red ed io condividiamo tantissimo. Anche io amo cucinare e sono un’ottima cuoca, poi siamo entrambe lavoratrici: per noi il lavoro viene prima di tutto il resto. E infine, proprio come lei, amo la mia solitudine tanto quanto amo essere socievole, ma sono estremamente selettiva nelle amicizie.
TS: Pensavo sarebbe stato più semoplice rispondere a questa domanda. Amo il coraggio di Piper e la resilienza; onoro il suo modo di resistere e di provarci in continuazione, lo comprendo. Ma in carcere la sua intelligenza rema contro di lei. Prima di finire in prigione la sua vita era tutta perfetta e programmata per i successivi dieci anni. Ecco: questo non lo condivido affatto perché io sono molto più libera da schemi. Quel che abbiamo in comune è che siamo entrambe due pensatrici profonde.

Quanto tempo prima vi viene mostrata la sceneggiatura?
KM: Ci viene consegnata la nostra parte tre giorni prima, e anche quella versione è comunque passibile di cambiamenti. Spesso vado “alla cieca”: recito senza sapere perché sto facendo quella cosa o perché mi trovo in quel luogo.

Nella quarta stagione vedrete qualcosa di davvero inaspettato

Red è il cuore della serie, sarebbe lo stesso per lei fuori dal carcere?
KM: Credo che Red abbia costruito per sé un personaggio basato sull’integrità, che non esisterebbe fuori dal carcere o, per meglio dire, non sarebbe utile. Dopo quindici anni di reclusione, per lei uscire sarebbe una vera e propria sfida. Ne parlavamo poco fa con Taylor: magari Piper e Red usciranno insieme tenendosi per mano, e lei dovrà mostrarmi la strada.
TS: Anche io non vedrei Piper da nessun altra parte, non penso esista un modo per lei per tornare indietro. In questo momento si trova esattamente nella pancia della bestia: pensa che le regole della vita non funzionino più e che le cose che dava per scontate non esistano più. Deve prima combattere le sue paure e ne avrete un’idea chiara nella quarta stagione.
KM: Nella quarta stagione vedrete qualcosa di davvero inaspettato! Di solito anche noi attori, pur non conoscendo la sceneggiatura completa, abbiamo qualche sentore su come procederanno le cose per i nostri personaggi, ma stavolta nessuna di noi si aspettava quel che succederà.

Le prime tre stagioni della dark comedy di Jenji Kohan Orange is The New Black sono disponibili in streaming su Netflix, che ha già ordinato una quarta stagione composta da 13 episodi, visibili nel 2016.

Leggi anche