Home TV News TV

Marilyn Manson sul set di ‘The New Pope’ di Sorrentino

Il reverendo aveva già confessato l'ammirazione per il regista premio Oscar e la sua serie in un'intervista a 'Rolling Stone'. E adesso pare proprio che lo vedremo all'opera, con tutta probabilità in un cameo nei panni di se stesso.

Photo by Daniel Boczarski/Getty Images

«The Young Pope mi ha fatto letteralmente impazzire. È diventata un’ossessione» confessava Marilyn Manson in un’intervista a Rolling Stone nell’ottobre del 2017. E aggiungeva: «Ho amato tutto di quella serie: gli attori, la regia, la scrittura, i personaggi. Tutto. Solo un europeo poteva fare una cosa del genere, un italiano. Sevuoi capire gli Stati Uniti del 2017 devi guardare quella serie. È tutto lì. Il Vaticano che elegge Jude Law è l’America che elegge Donald Trump. Sorrentino ha preso la situazione politica del mio Paese e l’ha trasportata in Vaticano, ma, guardando quella serie, ti rendi conto di come politica e religione siano sempre state la stessa cosa. E tutto gira ovviamente intorno ai soldi».

Un paio di mesi dopo, in una giornata di dicembre, ne dà notizia oggi il Messaggero, il reverendo è arrivato a Cinecittà, sul set blindatissimo di The New Pope di Paolo Sorrentino, in compagnia dell’attore spagnolo Javier Cámara, già in The Young Pope nei panni di Monsignor Bernardo Gutierrez. Pare che Manson abbia trascorso a Roma una sola giornata, la sera stessa sarebbe ripartito in automobile. E ha lasciato tutti a chiedersi se si tratterà di un cameo nei panni di se stesso, di un’apparizione musicale o di altro. Quel che sembra certo è che vedremo l’Antichrist Superstar aggirarsi per le stanze vaticane. Una presenza che apre più di una domanda su quello che accadrà nella serie tra il Lenny Belardo di Jude Law e il nuovo Papa interpretato da John Malkovich.

Jude Law e John Malkovich nella prima foto ufficiale di ‘The New Pope’. Credit: Gianni Fiorito.

Nella sua carriera Marilyn Manson ha già collezionato diversi film e serie tv: ha debuttato come attore nel 1997 in Strade perdute di David Lynch, ed è comparso tra gli altri in Bowling a Columbine (2002) di Michael Moore ma anche Ingannevole è il cuore più di ogni cosa (2004) diretto da Asia Argento, fino a Sons of Anarchy (2014). Da tempo si parlava di un suo debutto alla regia in un film dal titolo Phantasmagoria: The Visions of Lewis Carroll, dove la star avrebbe anche dovuto interpretare lo scrittore di Alice nel Paese della Meraviglie. Ma pare che il progetto, dopo una produzione travagliatissima sia stato definitivamente abbandonato.

Leggi anche