‘House of Cards’, Robin Wright: «Siamo rimasti sorpresi dalle accuse a Kevin Spacey»

«Non conoscevo l'uomo, ma conoscevo un incredibile artigiano della recitazione» ha detto l'attrice, protagonista della sesta e ultima stagione del political drama.

Robin Wright ha interrotto il suo silenzio sulle accuse di cattiva condotta sessuale dell’ex co-star di House of Cards Kevin Spacey durante un’intervista con Today. “Siamo rimasti tutti sorpresi, ovviamente, e ci ha rattristato”, ha detto la Wright. Lo scorso novembre Netflix ha licenziato Spacey dalla serie tv.

Nonostante abbia lavorato con lui alle prime cinque stagioni di House of Cards, la Wright ha detto di non aver colto alcun indizio del suo comportamento: “Eravamo semplicemente colleghi… Non abbiamo mai socializzato al di fuori del set”, ha detto, descrivendo il loro rapporto come “rispettoso, professionale” e notando che Spacey era “grande” con lei. “Questa è l’unica cosa che sento di avere il diritto di dire”.

L’attrice ha dichiarato di non aver avuto contatti con Spacey da quando sono iniziate le accuse. “Non so nemmeno come raggiungerlo,” disse. “Kevin e io ci conoscevamo tra “action“ e “cut”, e tra un ciak e l’altro ridevamo. Non conoscevo l’uomo, ma conoscevo un incredibile artigiano della recitazione”.

Wright ha esitato a dire se Netflix abbia preso la decisione giusta licenziando Spacey. “Non so come commentare”, ha aggiunto. “Ma penso che in quel momento lo shock fosse così intenso in tutta la nazione, per molte ragioni, molte storie, molte persone, penso che tutti sentissero che fosse rispettoso fare un passo indietro”.

Il caso Spacey ha fatto notizia come parte del movimento #MeToo, che è sorto dopo che numerose donne si sono fatte avanti con accuse di molestie sessuali e aggressioni contro il produttore cinematografico Harvey Weinstein. Wright – che continuerà a essere la protagonista della sesta e ultima stagione di House of Cards – ha dichiarato di essere stata anche oggetto di molestie nella sua carriera.

“Certo,” disse lei. “A chi non è successo? … Penso che la questione più ampia abbia a che fare con la seduzione. Non mi interessa chi sei. Riguarda il potere, e una volta che hai sopraffatto qualcuno, quella persona diventa vulnerabile. E nel corso dell’ultimo anno, credo che abbia brillato una luce inedita che ci ha permesso di iniziare una nuova conversazione”.

Le accuse contro Spacey sono iniziate alla fine dell’ ottobre 2017: l’attore Anthony Rapp ha dichiarato che il premio Oscar l’ha molestato quando aveva 14 anni. Ulteriori denunce poi si sono riversate nelle settimane successive, inclusi 20 provenienti dall’Old Vic Theatre di Londra, dove Spacey è stato direttore artistico tra il 2004 e il 2015. Nuovi casi sono emersi a luglio 2018.

Leggi anche: