‘House of Cards’, la sesta stagione sarà l’ultima

L'annuncio arriva dopo le accuse di molestie a Kevin Spacey. Ma secondo 'Variety' sarebbero già in lavorazione degli spin-off della serie

House of Cards terminerà nel 2018 dopo la sesta stagione, che sarà anche l’ultima. L’annuncio di Netflix arriva un giorno dopo che l’attore di Rent e Star Trek: Discovery Anthony Rapp ha raccontato che durante un festa nel 1986, quando aveva 14 anni, Kevin Spacey gli aveva fatto delle avance sessuali. Coincidenze a parte, un rappresentante di Netflix ha detto all’Hollywood Reporter che la decisione di terminare il political drama con la sesta stagione era già stata presa mesi prima.

Ma la piattaforma e la compagnia di produzione Media Rights Capital hanno aggiunto in una dichiarazione separata che sono “profondamente turbati dalla notizia riguardante Kevin Spacey”: “In risposta alle ultime rivelazioni, gli esecutivi di entrambe le compagnie sono arrivati a Baltimora per incontrare il cast e la crew e assicurarsi che si sentissero sicuri e supportati” hanno affermato le società “Come precedentemente programmato, Kevin Spacey non sta lavorando sul set in questo momento”.

I 13 episodi della sesta stagione di House of Cards infatti sono attualmente in produzione in Maryland. Spacey ha vinto un Golden Globe come miglior attore protagonista in un tv drama per la sua interpretazione di Frank Underwood.

Variety intanto ha annunciato la possibilità di spin-off della serie. Uno di questi avrebbe Eric Roth come sceneggiatore e vedrebbe coinvolto il personaggio di Doug Stamper, impersonato da Michael Kelly. Si parla, inoltre, di altri due spinoff in preparazione, sui quali però non si conoscono ulteriori dettagli.

Leggi anche: