Home TV & Serie News TV

Auguri Kabir Bedi, Sandokan compie 75 anni

Nel 1976 l'attore tenne incollati alla tv 27 milioni di italiani con la miniserie sulle Tigri di Mompracem, anche grazie alla sigla – e agli altri brani – dei musicisti romani Oliver Onions

Foto: BERTRAND LANGLOIS/AFP via Getty Images

Oggi compie 75 anni uno dei volti televisivi cult per eccellenza: Kabir Bedi. Il suo nome, volente o nolente, rimane legato al personaggio che lo vide sbancare in Italia nel 1976 con la miniserie Sandokan, quando incollò allo schermo 27 milioni di italiani, una cifra che oggi sarebbe impensabile per qualsiasi programma.

Di madre inglese e padre indiano, oggi vive a Mumbai. Alto, fascinoso, fisico atletico, sguardo profondo, ha fatto sognare schiere di donne e stimolato la fantasia di più generazioni di bambini che per la prima volta vedevano materializzarsi sul piccolo schermo un personaggio dei libri di avventura che prima potevano soltanto leggere sulla carta.

I sei episodi di Sandokan su Rai1 erano diretti da Sergio Sollima e, oltre all’interpretazione di Kabir Bedi, vedeva protagonisti anche Carole André, Philippe Leroy e Adolfo Celi e prendeva spunto dai romanzi del ciclo indo-malese di Emilio Salgari, mentre la sceneggiatura, nello specifico, era ispirata a Le Tigri di Mompracem e a I pirati della Malesia.

Particolarmente suggestiva e indimenticabile ancora oggi è la colonna sonora, che venne realizzata dai fratelli Guido e Maurizio De Angelis, conosciuti anche come Oliver Onions. È stata poi contenuta nell’album che, oltre a questa sigla, poteva contare sugli altri brani realizzati per la serie e ascoltabili all’interno dello sceneggiato. Il titolo originale era Sandokan/Sweet Lady Blue, un singolo pubblicato nello stesso anno, il 1976. Il disco, vista l’enorme richiesta nel tempo, è poi stato ristampato nel 1996 su CD sempre per etichetta RCA, per celebrare i vent’anni dalla prima pubblicazione.

Ma non è un caso che la sigla sia diventata un cult, visto che gli Oliver Onions sono un duo musicale noto in tutto il mondo e apprezzato come autore di colonne sonore negli anni settanta e ottanta che hanno fatto la storia.