Le serie da vedere a settembre | Rolling Stone Italia
Home TV & Serie

Le serie da vedere a settembre

Un paio di 'adult animated series', i ritorni di 'Sex Education' e 'The Morning Show', un nuovo ruolo da protagonista per Joshua Jackson e un 'Luna Park' nella Roma Sixties. Ma soprattutto i gran finali di 'Lucifer' e della 'Casa di carta' (parte 1)

Úrsula Corberó, Belén Cuesta e Jaime Lorente in 'La casa di carta 5 – Vol. 1'. Foto: Netflix

Q-Force Netflix – 2 settembre

Ricordate Sean Hayes, il mitico Jack di Will & Grace? In questa serie animata, che ha anche co-creato, presta la voce a Steve Maryweather, aka Agente Mary: un tempo era il golden boy dell’American Intelligence Agency, almeno finché non sì è dichiarato gay. Non potendo liquidarlo, l’AIA l’ha spedito a West Hollywood. Lui nel frattempo ha messo insieme un gruppo di geni LGBTQ+, la Q-Force. Quando la squadra risolve il suo primo caso, l’Intelligence non può che riconoscere ufficialmente la Q-Force, in cui viene introdotto anche un nuovo arrivato etero, l’agente Buck (David Harbour, Chief Hopper di Stranger Things).

La casa di carta 5 – parte 1 Netflix – 3 settembre

Tokyo & compañeros tornano per la prima parte del gran finale. Dove eravamo rimasti? La banda è rinchiusa nella Banca di Spagna da oltre 100 ore. Sono riusciti a salvare Lisbona, ma il Professore viene colto alla sprovvista dopo che Sierra ha trovato il suo nascondiglio e, per la prima volta, non ha un piano di fuga. Tutto sembra cadere in pezzi quando entra in scena anche l’esercito. La fine del più grande colpo della storia si avvicina e quella che era iniziata come una rapina si trasformerà in una guerra.

Lucifer 6 Netflix – 10 settembre

Ultimo capitolo anche per il procedural-infernale starring Tom Ellis, che doveva finire con la quinta stagione, ma è stato nuovamente miracolato (pardon) da Netflix grazie anche a un fandom fortissima. La sinossi recita: “Il diavolo è diventato Dio… o quasi. Perché è così titubante? Cosa farà per salvare un mondo senza Dio che comincia a prendere una brutta piega? Unitevi a noi per salutare in modo agrodolce Lucifer, Chloe, Amenadiel, Maze, Linda, Ella e Dan. E non dimenticate i fazzoletti”. E sì, come avrete capito ci sarà un ritorno inaspettato.

Dr. Death StarzPlay – 12 settembre

Dopo Fringe e una parte da supporting in Little Fires Everywhere, l’ex Pacey di Dawson’s Creek Joshua Jackson torna con un ruolo da protagonista che sulla carta è una bomba, e cioè quello del dottor Christopher Duntsch. La serie è basata su un podcast di successo e ispirata alla terrificante storia vera del medico texano. Dopo che Duntsch è diventato un importante neurochirurgo, i pazienti che entrano nella sua sala operatoria per interventi chirurgici spinali complessi ma di routine, iniziano a uscirne seriamente compromessi o addirittura morti. Mentre le vittime si accumulano, due colleghi e un pubblico ministero indagano. Medical drama con un twist super dark.

Sex Education3 Netflix – 17 settembre

È un nuovo anno al liceo Moordale e c’è una nuova preside pronta a tutto pur di ristabilire il livello di eccellenza della scuola: Hope, alias la Jemima Kirke di Girls. Intanto Otis (Asa Butterfield) fa sesso occasionale, mentre la madre, la sessuologa Jean (una strepitosa Gillian Anderson), sta per avere un bambino. Eric (Ncuti Gatwa) e Adam (Connor Swindells) hanno ufficializzato la loro relazione, Aimee (Aimee Lou Wood) scopre il femminismo e Jackson (Kedar Williams-Stirling): si prende una cotta. Ma ancora c’è un messaggio vocale perduto che incombe.

The Morning Show 2 Apple TV+ – 17 settembre

Dopo la prima stagione il team del Morning Show riemerge dalle macerie delle azioni di Alex (Jennifer Aniston) e Bradley (Reese Witherspoon), con un network rinnovato e un mondo in mutamento, dove l’identità è tutto e dove entra in gioco la differenza tra come ci presentiamo e chi siamo veramente. Nel super cast ritroviamo anche Steve Carell, Billy Crudup, Mark Duplass, Nestor Carbonell, Karen Pittman, Bel Powley, Desean Terry, Janina Gavankar, Tom Irwin e Marcia Gay Harden. E ci sono parecchie new entry, su tutte la nostra Valeria Golino nel ruolo di Paola Lambruschini, regista di documentari, e Julianna Margulies nei panni di Laura Peterson, una nuova conduttrice della rete.

Chicago Party Aunt Netflix – 17 settembre

Foto: Netflix

Altra giro, altra adult animated serie by Netflix. Questa volta ispirata all’omonimo account Twitter-parodia creato da Chris Witaske, che è anche dietro le serie. La bio suona come una vera e propria mission: “Se la vita ti dà limoni, fatti una limonata”. Chicago Party Aunt è una donna che vive a Chicago e ama bere, mangiare panini di manzo italiani e parlare delle gradinate del Wrigley Field. Con zia Diane (doppiata da Lauren Ash) è andato a vivere il nipote gay Daniel (Rory O’Malley) che si sta prendendo un “anno sabbatico” da Stanford per vivere stravaganti avventure a Chicago.

Scene da un matrimonio SKY e NOW – 20 settembre

Subito dopo la presentazione in anteprima mondiale a Venezia 78, Scene da un matrimonio arriva in Italia. Hagai Levi (In Treatment, Our Boys, The Affair) rivisita il classico di Ingmar Bergman: Oscar Isaac e Jessica Chastain sono Jonathan e Mira, coppia della classe media statunitense. Il loro è un matrimonio come tanti, con degli inevitabili alti e bassi, ma la loro unione, da cui è nata una bambina, sembra solida. Nel corso degli anni, però, tutto può cambiare. Un piccolo ma esaustivo trattato sull’amore, sull’odio, sul desiderio, sulla monogamia, e ovviamente sul matrimonio.

Star Wars: Visions Disney+ – 22 settembre

Una serie di corti animati per celebrare la galassia di Star Wars attraverso la visione dei migliori creatori di anime del mondo. Dieci punti di vista eccezionali, di alcuni dei principali studios giapponesi, che offriranno una prospettiva culturale unica e diversificata su Guerre stellari.

Fondazione Apple TV+ – 24 settembre

Prima di Star Wars, prima di Dune, c’era Fondazione. Basata sul Ciclo delle Fondazioni, opera seminale del padre della fantascienza moderna Isaac Asimov, considerata per anni non adattabile per lo schermo, la serie racconta la lunga storia della scomparsa e resurrezione di un impero galattico. Attraverso il grandioso viaggio di un gruppo di esiliati che scoprono che l’unico modo per salvarlo dalla distruzione è sfidarlo.

BMF StarzPlay – 26 settembre

Detroit, anni ’80. Due fratelli, Big Meech e Southwest T, emergono dalle strade fatiscenti a sud-ovest della città e danno vita a una delle famiglie criminali più influenti del Paese. La loro fede incrollabile nella lealtà familiare sarebbe stata la pietra miliare della loro collaborazione e il punto cruciale di un’eventuale rottura. Ispirata a una storia vera, BMF parla di amore e famiglia sullo sfondo del capitalismo e del sogno americano. Produce Curtis “50 Cent” Jackson (già co-creatore del Power Universe, For Life).

Luna Park Netflix – 30 settembre

Nuova serie italiana originale Netflix, ambientata nella Capitale degli anni ’60 tra la magia del Luna Park e il glamour della Dolce Vita. Nora (Simona Tabasco) è una giovane giostraia mentre Rosa (Lia Greco) è una ragazza della Roma bene. Il loro incontro porterà due famiglie agli antipodi a guardarsi indietro per fare chiarezza sul proprio futuro. Intrighi, segreti, amori. Il tutto condito da un sapore retrò con un cast ricchissimo: d Tommaso Ragno ad Alessio Lapice, solo per dirne alcuni.