Le serie da vedere a gennaio | Rolling Stone Italia
Home TV & Serie

Le serie da vedere a gennaio

'The Stand' con finale inedito by Stephen King, lo show (e il bacio) starring Nicole Kidman e Matilda De Angelis, un Lupin contemporaneo. Ma anche 'WandaVision' e uno nuovo speciale di 'Euphoria'

Matilda De Angelis e Nicole Kidman in 'The Undoing –Le verità non dette'

Foto: HBO/Sky

Cobra Kai 3 Netflix – 1 gennaio

Dopo il successone su YouTube e l’approdo a Netflix, le star di Karate Kid Ralph Macchio e William Zabka tornano nei panni dei rivali Daniel e Johnny, entrambi impegnati nel tramandare gli insegnamenti del defunto Maestro Miyagi a una nuova generazione di lottatori. Alla fine della seconda stagione e all’indomani della violenta rissa tra i ragazzi dei due dojo al liceo, i destini di studenti e maestri sono in bilico, in un cliffhanger da manuale. «La terza stagione è da fuochi d’artificio, penso che equivalga alla prima e alla seconda messe insieme con gli steroidi», ha promesso Zabka.

The Stand Starzplay – 3 gennaio

Quando la pandemia è scoppiata all’inizio di quest’anno, mezzo mondo ha pensato a The Stand, il romanzo post-apocalittico di Stephen King del 1978. Ora arriva la miniserie in nove parti, con un nuovo finale scritto appositamente dal re dell’horror per la tv. Dopo che un misterioso virus ha spazzato via il 99% della popolazione, i destini dell’umanità poggiano sulle spalle di Mother Abigail (Whoopi Goldberg), in una perenne battaglia del bene contro il male. Che qui ha il sorriso letale di Alexander Skarsgård, alias il demoniaco Randall Flagg, “The Dark Man”.

The Undoing – Le verità non dette Sky Atlantic – 8 gennaio

Dopo aver ossessionato l’America, il nuovo family drama/thriller psicologico targato David E. Kelley (Ally McBeal, Big Little Lies) e diretto dal premio Oscar Susanne Bier arriva finalmente in Italia. La vita perfetta made in Upper East Side di Nicole Kidman e Hugh Grant, rispettivamente una terapista di successo e uno stimato oncologo, viene sconvolta da un violento omicidio. La serie segna il debutto internazionale della nostra Matilda De Angelis, con un personaggio che non dimenticherete. Complice anche un bacio con la stessa Nicole.

Lupin Netflix – 8 gennaio

Non è il Lupin classico (diversity!), ma una variante contemporanea della storia del ladro più amato di sempre, nato nel 1905 dalla penna di Maurice Leblanc. Qui il protagonista è la star francese Omar Sy (Quasi amici), nei panni di Assane Diop, la cui vita è stata sconvolta da adolescente quando suo padre è morto dopo essere stato accusato di un crimine che non aveva commesso. 25 anni dopo, Assane userà il libro Arsène Lupin, ladro gentiluomo come ispirazione per vendicarlo. La piramide del Louvre trema.

Brooklyn Nine-Nine 6 Netflix – 10 gennaio

In seguito allo scongiurato rischio cancellazione e dopo più di un anno, arrivano finalmente anche in Italia le nuove disavventure del distretto di polizia più smandrappato della tv, starring Andy Samberg (reduce dal successo di Palm Springs – Vivi come se non ci fosse un domani). Mentre Jake (Samberg) e Amy (Melissa Fumero) partono per la meritata luna di miele, dove siamo certi non mancheranno i casini, il capitano Holt (Andre Braugher) sarà stato nominato Commissario di New York? Guest star: Lin-Manuel Miranda (il creatore di Hamilton) nelle vesti del luogotenente David Santiago, fratello di Amy.

American Gods 3 Amazon Prime Video – 11 gennaio

La guerra tra i Vecchi Dei della mitologia e le nuove divinità tecnologiche teorizzata da Neil Gaiman continua. Nel mezzo c’è sempre l’ex galeotto Shadow Moon (Ricky Whittle), sconvolto dalla scoperta che non solo Mr. Wednesday (il sempre clamoroso Ian McShane) è il dio norreno Odino, ma pure suo padre. Nei nuovi episodi, Shadow cerca disperatamente di sfuggire al destino e di tracciare il proprio percorso. Ma quando sei un dio, può diventare un tantino difficile.

WandaVision Disney+ – 15 gennaio

WandaVision è un unicum nel panorama dei cinecomic, perché la serie mescola le classiche sitcom americane con gli avvenimenti e le dinamiche del Marvel Cinematic Universe, inaugurandone ufficialmente la fase quattro. Dopo gli eventi apocalittici narrati in Avengers: Endgame, Wanda Maximoff – alias Scarlet Witch (Elizabeth Olsen) – versione perfetta casalinga anni ’50 e Visione (Paul Bettany) vanno ad abitare nella loro casa in periferia, pensando di condurre finalmente l’esistenza tranquilla che avevano sempre sognato. Ovviamente, manco per niente.

Disincanto 3 Netflix – 15 gennaio

Il Medioevo disincantato del creatore dei Simpson e di Futurama Matt Groening ha nuove avventure in serbo per i fan: mentre Bean, la principessa meno royal che si può, continua a esplorare il suo potere, diventa sempre più padrona del suo destino e si avventura con Luci ed Elfo alla scoperta di nuovi mondi, la regina Dagmar e i suoi tirapiedi hanno in mente qualcosa. E c’è pure una società segreta con cui fare i conti. Forse Dreamland, alla fine, non è poi così male.

Servant 2 Apple Tv+ – 15 gennaio

Il thriller psicologico/horror creato da Tony Basgallop e diretto da M. Night Shyamalan prende una piega ancora più paranormale. La frattura nella coppia protagonista, in lutto per una terribile perdita appena subita, ha permesso a una forza inquietante di insidiarsi nella loro casa. E mentre la natura di uno dei personaggi (interpretato da Nell Tiger Free, la Myrcella Baratheon di Game of Thrones) viene svelata, si prospetta per tutti un futuro incerto e oscuro. Nel cast c’è pure Rupert Grint, l’indimenticabile Ron Weasley della saga di Harry Potter.

Losing Alice Apple Tv+ – 22 gennaio

Da Israele arriva sulla piattaforma della Mela un Faust neo-noir al femminile, tra erotismo e psicologia. Attraverso flashback e flashforward, la serie segue Alice (interpretata da Ayelet Zurer), una grande regista di 48 anni che si sente irrilevante dopo aver sposato uno dei più celebri attori del suo Paese e messo su famiglia con lui. Un breve incontro notturno su un treno scatena l’ossessione per una sceneggiatrice femme fatale di 24 anni, Sophie (Lihi Kornowski), e la rinuncia alla sua integrità morale in cambio di potere e successo.

Euphoria: Special Episode. Part 2: Jules – Fuck Anyone Who’s Not a Sea Blob Sky Atlantic – 25 gennaio

Dopo il Blue Christmas della Rue di Zendaya e del suo sponsor alla tavola calda, è ora di sentire la campana di Jules (Hunter Schafer) nel secondo episodio bonus di Euphoria in attesa della seconda stagione, ritardata dalla pandemia. La storia si concentra sul personaggio che, dopo aver lasciato Rue alla stazione, trascorre le vacanze cercando di sfuggire ai ricordi. Lo speciale è stato scritto da Sam Levinson insieme a Schafer.

Yellowstone 3 Sky Atlantic – 29 gennaio

Sullo sfondo di un Montana da togliere il fiato, la famiglia Dutton, capeggiata da un Kevin Costner che sembra nato per portare il cappello da cowboy e manipolare figli, politici e uomini d’affari, continua la sua guerra con mezzo Stato, tra tensioni razziali, corruzione politica e cruente lotte di confine. Un mix da Dynasty e Succession con il vibe da western moderno by Taylor Sheridan e il suo super cast. Ma fino a che punto i Dutton saranno disposti ad arrivare per proteggere il ranch e la loro eredità? New entry nel cast: Josh Holloway, il Sawyer di Lost.