‘Game of Thrones’, George R.R. Martin parla del finale | Rolling Stone Italia
Home TV & Serie Interviste TV

‘Game of Thrones’, George R.R. Martin parla del finale

L'autore della saga 'A Song of Ice and Fire' riflette sui personaggi di Arya e Sansa, e perché la conclusione dello show lo rende triste

Foto: Rich Polk/Getty Images

Quando andrà in onda l’ultimo episodio di Game of Thrones il 19 maggio, George R.R. Martin sarà davanti alla tv a guardarlo. Darà un’occhiata alla conclusione televisiva della storia che ha inventato, e poi tornerà subito a scrivere la sua versione, con due libri ancora da completare. In occasione del nostro servizio su Maisie Williams e Sophie Turner, lo scrittore ha raccontato come ha creato le sorelle Stark, ha parlato del doppio finale della sua storia e di molto altro ancora.

Le sorelle Stark sono sulla cover di Rolling Stone USA.
Sì, ho sentito. È davvero fantastico. Mi incuriosisce molto. Ottima scelta, sono entrambe delle giovani donne fantastiche… Stavo per dire ragazzine, ma non sono più piccole, vero? Sono cresciute molto velocemente.

Volevo leggerti uno dei primi passaggi che hai scritto su entrambe, se per te è ok.
Certo.

“Non era giusto, ecco. A Sansa era stato dato tutto. Arya era arrivata due anni dopo e forse, a quel punto, non era rimasto niente da dare a nessun altro. Spesso era così che lei percepiva le cose tra loro. Sansa sapeva ricamare, danzare e cantare, sapeva scrivere poesie e vestirsi, sapeva suonare l’arpa e perfino le campane tubolari. Sansa era bella, e quello era davvero il peggio. Aveva ereditato i raffinati zigomi alti di sua madre e i folti capelli ramati dei Tully. Arya, invece, aveva preso dal lord suo padre. I suoi capelli erano di un castano privo di splendore, il suo volto era allungato e austero”.

In particolare la storia di Sansa è diversa dai libri. Ramsay Bolton — il matrimonio ovviamente era con un altro personaggio. Quando hanno iniziato a deviare dalla trama in quel modo, hai avuto qualche reazione emotiva, anche se hai lavorato per molti anni a Hollywood?
Sì, certo che ho avuto una reazione emotiva. Voglio dire, preferirei che lo avessero raccontato esattamente come ho fatto io? Ovvio. Ma sono stato anche dall’altro lato. E ho fatto la stessa cosa, quindi….

Una parte della deviazione, ovviamente, è dovuta al fatto che sono stato lento con i libri. Avrei davvero dovuto finire questa cosa anni fa — e se l’avessi fatto, avrei raccontato una storia diversa adesso. Quando si adatta qualcosa, ne escono due varianti della stessa storia, o una storia simile. L’analogia che uso spesso è: quanti figli ha avuto Rossella O’Hara? Sai la risposta?

So che cambia dal libro al film ..
Tre bambini nel libro, uno per ogni marito, mentre nel film ha avuto un figlio solo. E nella vita reale, ovviamente, Rossella O’Hara non aveva figli, perché non è mai esistita. Margaret Mitchell l’ha inventata. Il libro è lì. Puoi prenderlo e leggere la versione di Mitchell, oppure puoi vedere la versione del film di David Selznick. Penso che siano entrambi fedeli allo spirito del lavoro, e speriamo che sia vero anche per Game of Thrones da una parte e A Song of Ice and Fire dall’altra.

Come vivi la fine dello show?
È complicato. Sono un po’ triste, in realtà. Vorrei avere qualche altra stagione. Ma capisco, Dave e Dan continueranno a fare altre cose, e alcuni degli attori sono stati sotto contratto per circa otto anni, sono sicuro che vorrebbero andare avanti e interpretare altri ruoli. È giusto. Non sono arrabbiato o niente del genere, solo un po’ malinconico.

È strano, a Hollywood… Voglio dire, ho lavorato ad altre serie, sai? Twilight Zone a metà degli anni ’80, e poi Beauty and the Beast per tre anni… e ogni volta che qualcosa finisce, più a lungo è durato lo show, più è difficile accettarlo. È davvero una famiglia. Stai con loro per gran parte dell’anno e non ci lavori soltanto, spesso si vive tutti insieme in un hotel quando le location sono lontane. Li vedi tutti i giorni, a volte sette giorni alla settimana. Sono coinvolti nella tua vita.

La conclusione dello show — qual è il tuo finale?
Posso solo dire che quando i miei prossimi due libri usciranno dovrete leggerli e scoprirlo.

Giusto. Hai smesso di guardare la serie ora che è andata oltre?
No, certo che no.

E hai già visto la stagione finale?
No, non l’ho fatto. So quello che sta succedendo, ma non ho visto nessuna scena. Guarderò gli episodi per la prima volta con tutti gli altri.

Hai letto le sceneggiature finali?
No, ho avuto incontri con David e Dan in cui abbiamo discusso alcune cose.

Quindi potresti essere in qualche modo sorpreso dal loro finale…
Fino a un certo punto. Voglio dire, penso che i punti principali della fine saranno cose che ho detto loro cinque o sei anni fa. Ma potrebbero anche esserci dei cambiamenti. E ci sarà molto da aggiungere.