Home TV Documentari

‘L’utopia dei realisti’, storia della comunità israeliana che vive condividendo tutto


Il nuovo episodio di ‘Earn a Living’, la serie di documentari di ARTE sui programmi reddito universale sparsi nel mondo, è dedicato alla storia di ‘Samar’, un kibbutz unico nel suo genere

Il kibbutz nasce dall’idea socialista della condivisione totale: pasti, responsabilità, conto in banca, tutto è condiviso. Poi, 42 anni fa, alcuni giovani hanno creato Samar, un kibbutz unico nel suo genere: nessun controllo centrale, niente obblighi, pari opportunità e piena libertà d’agire. «Nei kibbutz tradizionali, qualcuno decideva per te che oggi, invece di lavorare all’orto, ti toccava la stalla, ad esempio. Per noi questo metodo era superato», dice Yossi Ovnat, uno dei fondatori. «Abbiamo deciso che due cose andavano di pari passo: godere di piena autonomia e assumere una responsabilità totale. Puoi andare a lavorare oppure no, dove vuoi, a fare ciò che vuoi, e se fai guadagnare molto denaro al kibbutz, tanto meglio».

«Il kibbutz paga tutto», continua Ovnat. «Ogni giorno, non tiro fuori neanche uno shekel dalla mia tasca. Ho accesso illimitato al cibo, al refettorio, e se voglio prendo del cibo dal refettorio e lo porto a casa. Non pago niente. Ho bisogno di soldi solo per le cose superflue». In sostanza, quello del kibbutz è un esperimento di reddito universale alla massima potenza. I risultati, e le testimonianze di chi vive nella comunità sono al centro del nuovo episodio di Earn a Living, la serie di documentari di ARTE dedicati ai programmi di reddito universale sparsi nel mondo. Potete vederlo come sempre in cima all’articolo.

Leggi anche