Home TV Documentari

“Dovresti lasciare il tuo lavoro prima di morire”, perché il Giappone rifiuta il reddito universale


Il primo episodio di ‘Earn a Living’, la serie di documentari di ARTE sui programmi di reddito universale sparsi nel mondo, è dedicato al “karoshi”, il suicidio per stress lavorativo

In Giappone il “karoshi”, suicidio per eccesso di stress lavorativo, è un fenomeno sempre più comune ma di cui si parla sempre meno. È così che il manga che Kona Shiomachi ha pubblicato in forma aninoma – Dovresti lasciare il tuo lavoro prima di morire, dedicato proprio al korashi – è diventato virale. «Credevo che riguardasse solamente i mestieri in cui le persone sembrano sempre stressate, ma dopo i riscontri ricevuti ho capito che è uguale dappertutto. Mi ha sorpreso quanta gente fosse sull’orlo del burnout», dice.

Nonostante il governo giapponese abbia sperimentato diverse soluzioni al problema, secondo il professore di economia Toru Yamamori l’unica soluzione è il reddito universale. La sua proposta, però, non è ben accolta dalla società giapponese, nemmeno dalle generazioni più giovani.

Guadagnare senza lavorare, ripensare l’equilibrio tra lavoro e vita personale, inventarsi nuovi modi per guadagnarsi da vivere: sono questi i temi affrontati in Earn a Living, la serie di documentari di ARTE dedicati ai programmi di reddito universale sparsi nel mondo, lo stesso che in Italia chiamiamo “reddito di cittadinanza”. La prima puntata, dedicata al karoshi, è disponibile in cima all’articolo.

Leggi anche