Home TV Documentari

‘B-Boys: la storia della break dance’, dalle piazze del Bronx a Manhattan

La nuova serie di ARTE racconta le origini della break dance con interviste ai pionieri e immagini d'archivio inedite

“La Rock Steady Crew nasce con Jimmy Dee e Jimmy Lee, sono loro i fondatori” spiega Crazy Legs nella seconda puntata di B-Boys: la storia della break dance, la nuova serie di ARTE che esplora una cultura in continua evoluzione.

“Il b-boying, il breaking era anche chiamato ‘rocking’. Gli altri prendevano in giro i due Jimmy, dicendo ‘Ragazzi, le vostre battle sono sempre ‘steady’ non cambiate mai!’. Da lì Rock Steady”. La crew si è affermata come gruppo di breakdancing di riferimento a New York. Tutto comincia in una piazza a Echo Place nel Bronx e continua con la nuova generazione a Manhattan, nella 98esima Strada.

Crazy Legs è uno dei pionieri: “Mio cugino Lenny Len mi ha portato a conoscerli. Un giorno siamo andati nel palazzo di Jimmy Dee e abbiamo fatto una battle con loro. Abbiamo perso 3 a 2 ma, grazie al nostro potenziale, siamo entrati nella Rock Steady. Era il 1979, nel 1981 ne sono diventato presidente”.

Leggi anche