Stephen Curry, «Meglio abbia vinto Thompson. Potrò toccare il trofeo!»

Il play di Golden State accetta la sconfitta contro il suo "Splash Brother"
Stephen Curry. Quest'anno niente trofeo. Foto: Ezra Shaw/Getty Images

Stephen Curry. Quest'anno niente trofeo. Foto: Ezra Shaw/Getty Images


Stephen Curry non ha l’aria dello sconfitto, nonostante abbia perso il Foot Locker Three Point contest. Alla fine, a portare a casa il trofeo della gara da tre punti è il suo splash brother, Klay Thompson.

«Ha tirato molto bene stasera», dice il playmaker di Golden State. «Il modo in cui ha finito il secondo round è stato incredibile, credetemi, la pressione di conoscere esattamente che numero doveva fare e vedergli fare cinque su cinque è stato divertente».

Una pressione che di sicuro si sente molto di più in queste occasioni. Nella gara c’è un sacco di gente attorno, ma poi… «È una competizione solitaria, sei da solo, quando parte il conto alla rovescia sei tu, la palla e l’anello». E puoi essere all’All-Star Game, come nel campetto di casa. Che cambia davvero poco.

Però, la mezza soddisfazione c’è. Comunque il trofeo resta in casa Golden State. «Bene così! Potrò anche toccare il trofeo ogni tanto se lo porterà agli allenamenti. Così potrò anche vedere se è meglio del mio».