Home Sport

Muhammad Ali, il leggendario pugile, è morto a 74 anni

La leggenda della boxe, sfacciato valicatore di confini, è rimasto un attivista sociale fino alla sua morte

Muhammad Ali nel 1966 - Foto Wiki

Muhammad Ali nel 1966 - Foto Wiki

Il campione dei pesi massimi Muhammad Ali, ricordato non solo per il per il suo stile di combattimento innovativo, ma soprattutto come sfacciato e ironico personaggio pubblico, è morto venerdì sera all’eta di 74 anni, secondo quanto riporta NBC News. Le sue posizioni politiche schiette hanno fatto di lui uno degli americani più ampiamente riconosciuti e ammirati in tutto il mondo.

«Dopo una battaglia di 32 anni con il Parkinson, Muhammad Ali è morto all’età di 74 anni», ha detto il portavoce della famiglia Bob Gunell. «Il vincitore (3 volte) del World Heavyweight Champion di boxe è morto questa sera. Il funerale di Muhammad Ali si terrà nella sua città natale di Louisville, KY. La famiglia di Ali desidera ringraziare tutti per i loro pensieri, le preghiere e il sostegno e chiede la giusta privacy per questo momento».

Ali ha combattuto e vinto il titolo dei Pesi Massimi per la prima volta a 22 anni, per un record di tre volte in totale nella sua carriera. Le sue rivalità con Sonny Liston, George Foreman e, in particolare, Joe Frazier sono roba da leggenda del pugilato. Carismatico, orgoglioso, e oggetto di moltissime citazioni, compresi numerosi episodi di trash-talking fatti per auto-motivarsi durante le interviste, spesso in rima, che hanno fatto di lui un nuovo tipo di celebrità sportiva. Il suo impegno a portare avanti le sue convinzioni personali ha ridefinito il ruolo di atleta professionista come figura pubblica. La sua conversione all’Islam nel 1963 alienò gli appassionati di boxe bianchi, e dopo aver rifiutato di servire nella Guerra del Vietnam è stato sospeso dalla boxe per quattro anni, al culmine della sua carriera. Anche le persone che non hanno mai visto un incontro di boxe nella loro vita, o che non conoscono una parola d’inglese, sapevano chi era Muhammad Ali, e sapevano che era, come lui stesso si era definito, “il più grande”.

Muhammad Ali è nato Cassius Marcellus Clay Jr. il 17 gennaio 1942, a Louisville, Kentucky, da padre pubblicitario e made domestica. All’età di 12 anni un agente di polizia, casualmente anche allenatore di boxe, lo sentì minacciare il ladro che gli aveva rubato la bicicletta, quel giorno gli disse che sarebbe stato meglio imparare l’arte della boxe prima.

Verso la fine del 1963, Clay si era imbattuto, per 15 delle sue 19 vittorie per knockout, con il campione Sonny Liston, diretto contendente per il titolo dei Pesi Massimi. Il match per il titolo era stato fissato per il 25 Febbraio 1964, a Miami, in Florida, e Clay perse 7-1. Nonostante tutto, si vantò più volte prima della partita che avrebbe battuto il campione recitando anche una poesia ai giornalisti sulla sua vittoria imminente. Ma Clay ha sempre mantenuto la sua parola, e si ritrovò a ballare intorno a Liston quando lo sconfisse per la prima volta. Dopo sei round, Clay viene dichiarato vincitore per ko tecnico quando Liston non rispose al suono della campana. «Sono il migliore!» aveva dichiarato entusiasta subito dopo la partita. «Sono la cosa più grande che sia mai esistita. Non ho alcun segno sulla faccia, ho battuto Sonny Liston e ho appena compiuto 22 anni. Devo essere il più grande». Clay era diventato il combattente più giovane a strappare il titolo a un campione dei pesi massimi in carica – un record che avrebbe mantenuto fino al 1986, quando Mike Tyson lo vinse a soli vent’anni.

Poco dopo aver vinto il titolo, Cassius Clay diventa un membro del Nation of Islam, e il leader della setta, Elijah Muhammad, lo ribattezza personalmente Muhammad Ali. Il movimento afroamericano autodefinitosi “setta islamica militante” è stato fondato nel luglio 1930 a Detroit da Wallace Fard Muhammad. Il pugile inizia a frequentare la setta nel 1961, da allora smetterà di frequentare Malcolm X, suo consigliere spirituale prima di allora. Uno dei pi grandi rimpianti della sua vita, come dichiarerà in seguito.

Molti commentatori sportivi bianchi erano sprezzanti sulla conversione del pugile e il cambio di nome in Ali, molti di loro hanno continuato a riferirsi a lui come Cassius Clay. Una notevole eccezione è rappresentata dal giornalista di ABC Howard Cosell, che avrebbe poi sostenuto anche il rifiuto di Ali sulla guerra in Vietnam. Ali è stato privato del suo titolo e nel 1967 lo stato di New York ha sospeso la sua licenza di boxe. Nel mese di giugno, è stato condannato per renitenza alla leva e condannato a cinque anni di carcere e una multa di ben 10.000 $. Nel pieno della sua carriera, Muhammad Ali è stato escluso dalla boxe e lui non avrebbe combattuto fino a ottobre 1970. È così che è diventato un attivista nei campus universitari battendosi contro la guerra del Vietnam e difendendo l’orgoglio nero. In quegli anni Ali ha contribuito a incentivare disapprovazione pubblica della guerra e ha ispirato generazioni di atleti afro-americani a celebrare il loro patrimonio e della cultura. Ali verrà riabilitato all’età di 30 anni, la ricorrenza verrà pubblicizzata come “il combattimento del secolo” combattutto l’8 marzo del 1971 contro Joe Frazier al Madison Square Garden. Muhammad Ali verrà sconfitto per la prima volta da un altro pugile imbattuto e perderà di nuovo nel 1973 contro Ken Norton.

Negli anni Settanta, Ali era così noto da sembrare un supereroe, una leggenda. Con l’ascesa dell’hip-hop, i rapper lo identificheranno come uno di loro, un tipo dalle rime presuntuose, e MCs come LL Cool J e 50 Cent lo nomineranno nei loro testi. Per mezzo secolo, se volevi dire di essere il più grande per quello che hai fatto, il modo più semplice il modo più semplice e immediato era quello di paragonarsi a Muhammad Ali.

Ma gli ultimi anni della carriera di Ali sono stati tutt’altro che gloriosi. Nel 1976, l’annuncio da parte dei giudici della sua vittoria in un incontro allo Yankee Stadium con Ken Norton è stata accolta con fischi dalla folla. In risposta Ali annuncia il suo ritiro per concentrarsi sulla fede religiosa. Nel 1984 gli viene diagnosticata la sindrome di Parkinson, nonostante le sue mani e la sua voce abbiano iniziato a tremare molti anni prima, almeno 5. Nel corso dei successivi tre decenni il suo corpo avrebbe iniziato a deteriorarsi molto gravemente a causa della malattia. Riuscì a malapena a stare in piedi durante le cerimonie di apertura alle Olimpiadi estive del 2012 a Londra.
Nonostante la malattia Ali è rimasto attivo per molti anni, ora era un personaggio pubblico onorato dalle stesse istituzioni che una volta lo detestavano.

Leggi anche