Home Sessualità

Le proteste negli Stati Uniti hanno sollevato il problema del razzismo nel mondo del porno

Attori e attrici nere sono pagati meno, hanno meno occasioni di lavoro e devono accettare di conformarsi a tutta una serie di stereotipi razzisti che fanno vendere. Ma forse dopo la morte di George Floyd le cose stanno cambiando

Jonathan Knowles/Getty Images

Qualche mese fa, quando l’attrice porno Ana Foxxx è arrivata sul set per girare una scena con la regista Kayden Kross, era eccitata. La scena era un’orgia con il marito di Kross, Manuel Ferrara, e tre altre donne nere – una cosa molto rara nel settore. “Non ci sono così tanti ruoli. Sembra che le aziende girino scene con noi una volta ogni tanto, per cui non siamo mai sul set insieme”, ha detto Foxx a Rolling Stone. Quindi le donne erano eccitate di avere finalmente l’occasione di lavorare insieme a una scena.

Poi era arrivato il momento delle foto, e Foxx aveva notato che le donne sul set avevano in mano delle banane. All’inizio aveva pensato che le stessero mangiando. Ma poi si era sentita dire di prendere anche lei delle banane e di entrare nell’inquadratura. “Non mi faceva sentire bene”, ha detto. 

Quando le donne si erano lamentate, Kross si era scusata e aveva promesso di cancellare le foto. Ma le riprese erano durate 12 ore, erano state faticose, e una delle altre attrici, Demi Sutra, ha raccontato di aver finito la giornata in bagno a piangere. Era rimasta sul set, comunque, perché non voleva “rovinare” la scena alle altre attrici. “Non sai mai se qualcuna ha veramente bisogno di quei soldi, perché non ci sono molte opportunità per le attrici nere”, dice.

Alla richiesta di commentare queste dichiarazioni, Kross ha detto, “Per quanto mi riguarda, io sto con il movimento e credo che serva un vero cambiamento sistemico per permettere alla nostra società di crescere e fiorire. Detto questo, riguardo ad alcune delle domande in questione, spero di non vedere che questo sentimento viene deviato per opportunismo e per aumentare i propri iscritti su OnlyFans”. Quando le ho chiesto nello specifico delle banane, ha risposto che nelle intenzioni dovevano essere ricoperte di cioccolata e di glitter per girare una scena a tema San Valentino. “Non mi sono sembrate una cosa problematica lì per lì, anche se ora capisco che possono esserlo e mi dispiace”, ha detto a Rolling Stone.

Storie come questa sono comuni tra le attrici e gli attori neri nell’industria del porno, che spesso si trovano costrette a scegliere se raccontare le loro esperienze di marginalizzazione o rimanere zitte per paura delle conseguenze sulla loro carriera. E questo è particolarmente vero per le attrici nere, che sono scelte molto più di rado delle loro controparti bianche. “Non saprei dirti quante volte mi sono sentita dire ‘Ana, vorrei che potessimo girare di più con te, ma giriamo solo un certo numero di scene con attrici nere’, racconta Foxx, spiegando di essersi sentita dire diverse volte dai produttori che le attrici nere non vendono bene come quelle bianche. “E come ti aspetti che lo facciano se non dai loro opportunità di lavoro?” dice, aggiuntendo di aver dovuto ampliare il suo catalogo, aggiungendo sesso anale e gang bang, così da ricevere più offerte di lavoro.

La rappresentazione degli stereotipi razzisti nel porno e la discriminazione per le attrici nere è argomento di discussione nel settore ormai da anni. “La pornografia è l’industria meno progressista d’America”, dice Sutra. “Non c’è nessun altra industria in cui ti senti dire, ‘sei nera quindi non puoi fare questo film'”. Eppure molti nell’industria hanno visto le proteste di Black Lives Matter come un’opportunità per spingere le principali compagnie a cambiare molte delle loro pratiche più problematiche. La discussione si è fatta più intensa quando la pubblicazione di settore AVN ha pubblicato un articolo secondo cui l’omicidio di George Floyd avesse legami con l’industria del porno, causando un polverone e costringendo AVN a cancellare l’articolo e pubblicare delle scuse.

Uno dei problemi di cui le attrici nere hanno parlato più spesso sui social riguarda la pratica comune per cui le attrici bianche si fanno pagare di più per scene “IR” o “interraziali”, termine che si riferisce praticamente sempre a scene in cui un attore nero fa sesso con un’attrice bianca. Le aziende offrono regolarmente alle attrici bianchi compensi ben superiori allo standard per convincerle a girare la loro prima scena IR con loro, e molte attrici note aspettano anni prima di lavorare con attori neri proprio per questo motivo. “IR è una foglia di fico per nascondere quello che vogliono veramente dire”, spiega l’attore Isiah Maxwell. “Non include gli asiatici e i latini. Vuol dire, ‘vuoi fare sesso con un uomo nero?'”.

Dato che per gli attori e le attrici nere, soprattuto per queste ultime, ci sono poche opportunità, la maggior parte di loro si limita a lavorare con quelle poche aziende che girano regolarmente questo tipo di contenuti, molti dei quali sono venduti sfruttando esplicitamente l’appeal di preconcetti razziali offensivi. Ricky Johnson, per esempio, ha girato una serie di scene con la casa di produzione Dogfart, che è specializzata in porno interraziale e produce serie come Black Meat White Feet e Watching My Daughter Go Black. “Dà una brutta immagine degli uomini neri”, dice Johnson. “Ma il problema è che è uno dei pochissimi siti che girano regolarmente scene con persone nere”. All’inizio della sua carriera, Foxx è apparsa in una scena in cui le è stato chiesto di fare de sesso orale a un uomo bianco che indossava una maglietta con la bandiera confederata; Johnson racconta di averne girata una in cui il regista aveva chiesto agli attori neri di indossare delle divise da carcerati e se era un problema che l’attrice usasse la parola “ne*ro” sul set. 

Se sono forse meno apertamente basati sugli stereotipi razzisti, altri siti come Blacked.com si basano su stereotipi datati sugli uomini neri e contribuiscono a perpetuare le disugaglianze in altri modi. Nonostante per certi versi il sito possa fungere da vetrina per attrici e attori neri, gli attori e le attrici che ho contattato per questo articolo mi hanno detto che è molto raro che Blacked.com giri scene con attrici nere e che delle prime 50 attrici sul sito solo due sono nere. Inoltre usa termini offensivi come “BBC” (“big black cock”) in alcuni suoi titoli. Anche Pornhub ospita contenuti con titoli come “Ragazza del ghetto se l’è andata a cercare” e “ebony distrutta da un BBC”, oltre a ospitare centinaia di video con “ne*ro” nel titolo. In risposta a questi contenuti, molti attori e attrici hanno di recente cercato di caricare una grande quantità di video nel tentativo di occupare la categoria e influenzare l’algoritmo del sito.

Dato che i titoli dei film vengono spesso scelti dal team di marketing dell’azienda e non dagli attori o dal regista, molti attori e attrici non hanno alcun diritto di parola sul modo in cui i contenuti in cui compaiono vengono venduti. Foxx ha raccontato di aver girato una scena di sesso anale per il regista Jules Jordan che è apparsa più tardi online come parte di una compilation intitolata Black Facials Matter. “All’inizio ero confusa perché era una scena anale”, ha detto. “Ma poi mi sono arrabbiata”. Ha detto di aver contattato Jordan per chiedere di cambiare il titolo, ma non ha mai ricevuto risposta. Anni dopo, dopo che ha incontrato un dipendente dell’azienda a un’evento di settore e gli ha raccontato la storia, il titolo è finalmente cambiato. In risposta, Jules Jordan ci ha detto di non essere al corrente di essere dei tentativi di contatto di Foxx per cambiare il titolo, che dice essere stato scritto da un copywriter. “Purtroppo il volume di contenuti presenti sul sito non mi permette di monitorarlo al 100% personalmente”, e ha aggiunto, “quando sono stato messo al corrente del problema, sono stato subito d’accordo sul cambiarlo”.

Non tutti gli attori e le attrici nere hanno problemi con la terminologia usata in parole chiave e titoli, ritenendoli esemplificativi delle tattiche di marketing grezze e riduttive adottate dalle aziende per promuvoere il porno. “Il porno è sempre stato il riflesso dei valori americani, quindi se questi sono i titoli che ci sono, è perché sono i titoli che la gente compra”, dice Maxwell. “Se vedi un titolo tipo Fear of a Black Penis 6 vuol dire che i primi 5 hanno venduto bene”. Lui non pensa che il porno sia il luogo appropriato in cui combattere per cambiare la società. “Il porno è un posto complicato per fare l’attivista, è difficile farti prendere sul serio. Io cerco di separare le due cose.” Ma riconosce che le pratiche dell’industria sono, nel caso migliore, piuttosto problematiche. “Il porno è l’unica industria in cui puoi giustificare il tuo razzismo. Non puoi costirngere nessuno a fare sesso con nessuno se non vogliono, non puoi dire ‘devi scopare con un nero se vuoi restare nel settore’, ma puoi giustificare le tue convizioni”.

Secondo Foxxx queste discussioni sono troppo poco e troppo tardi. Queste converesazioni sulle dispartià di salario e sui pochi ruoli per le attrici nere vanno avanti da anni senza risultato e Foxx e altre attrici sono frustrate che ci sia voluta la morte di George Floyd perché le loro lamentele fossero ascoltate. “Ora tutti sono attenti a Black Lives Matter. E ci fa schifo perché ci sembra di esserci sgolate fino a ieri senza che nessuno ci sostenesse, solo per vedere ora tutti che salgono sul carro appena gli conviene”, dice. “Vogliamo supportare i performer sempre, non solo quando i loro diritti sono un’occasione per ottenere qualche like e qualche follower”.