Come 41 persone si sono prese il coronavirus a una festa per scambisti | Rolling Stone Italia
Home Sessualità

Come 41 persone si sono prese il coronavirus a una festa per scambisti

Il Naughty N’Awlins, è un party per scambisti di New Orleans che ogni anno attira oltre 2000 persone. Quest'anno è diventato anche un focolaio di coronavirus

Photo Taken In Sofia, Bulgaria

L’industria del sesso si è evoluta in modo creativo per far fronte alle sfide poste dalla pandemia di coronavirus – per esempio con strip club su Instagram o stanze porno su Zoom. Ma passare dall’intimità al digitale è comunque difficile e anche se negli Stati Uniti i casi sono di nuovo in ascesa, molte persone sono disperate per un ritorno alla normalità, a qualsiasi costo. 

Bob Hannaford, il 54enne organizzatore della festa per scambisti Naughty N’Awlins, di recente l’ha imparato a sue spese. In un post pubblicato venerdì scorso sul suo blog, Hannaford ha annunciato che 41 presenti all’evento organizzato lo scorso novembre a New Orleans – e presentato come “la convention per scambisti più popolare del Paese dal 1998” – si sono presi il Covid-19. Il tasso di positività sul totale dei partecipanti è del 13%. 

“Se avessi saputo allora quello che so oggi, non l’avrei fatto”, ha scritto Hannaford parlando dell’organizzare l’evento. “Mi pesa e continuerà a pesarmi finché non saranno tutti guariti”.

Hannaford ha scritto che aveva riflettuto per mesi sull’organizzare o meno la festa, che di solito attrae più di 2000 persone l’anno. Quest’anno si sarebbe dovuta tenere a luglio, ma alla fine è stata rinviata a novembre quando il numero dei casi a New Orleans era relativamente basso e la città stava cominciando a riaprire entrando nella fase 3 (nel frattempo è tornata alla fase 2, perché i casi sono risaliti). “La gente si era chiesta se fosse possibile e soprattutto se fosse etico farlo”, ha scritto. “Ci siamo posti queste domande continuamente nelle settimane prima dell’evento”.

Anche se la decisione di organizzare lo stesso l’evento gli ha attirato critiche sui social, Hannaford ha lavorato con un virologo per creare dei protocolli di sicurezza come controlli della temperatura, obbligo di mascherine per tutti i partecipanti (tranne per mangiare o bere). In più aveva incoraggiato fortemente tutti a fare un tampone prima di partecipare, con tanto di braccialetti di colori diversi per identificare chi aveva avuto il Covid-19 e aveva gli anticorpi e chi aveva fatto un tampone risultando negativo. “Credo di aver creato l’evento più sicuro possibile”, aveva detto in un’intervista il 14 novembre.

Ma nonostante questi protocolli, Hannaford ha detto che pochi giorni dopo l’evento ha cominciato a ricevere email da parte di partecipanti che risultavano positivi al tampone. Mentre la maggior parte dei positivi erano asintomatici o presentavano sintomi lievi, almeno in un caso la persona era stata ricoverata in ospedale. A suo dire, la trasmissione è stata dovuta “a un certo falso senso di sicurezza” che ha cominciato ad avvertirsi verso la fine dell’evento. “In quasi tutti i casi, queste persone mi hanno scritto di essere state molto diligenti i primi due giorni dell’evento e poi di essersi rilassate un po’ nell’ultimo giorno. Molti hanno ammesso che probabilmente è stato questo il motivo per cui hanno contratto il virus”.

Nel suo post sul blog dell’evento, Hannaford ha anche parlato del devastante impatto finanziario che la pandemia da coronavirus ha avuto sui club per adulti. “Ci sono molti club che non arriveranno a vedere il 2021”, ha scritto. E ha aggiunto di voler stimolare una discussione aperta sui rischi che presentano eventi come questo durante la pandemia “così che tutti possano prendere decisioni informate”.

Questo articolo è apparso originariamente su Rolling Stone US