Home Rolling Affairs Reportage

Donald Trump non fa più ridere

Ormai non conta più che vinca o che perda, la campagna di Trump ha aperto le gabbie al mostro della Grande Stupidità Americana

Settimana scorsa, due zotici della zona sud di Boston, la mia città natale, hanno picchiato un senzatetto ispanico. Mentre venivano arrestati, uno dei due fratelli ha detto alla polizia «Donald Trump ha ragione, tutti questi clandestini devono essere deportati».

Quando i reporter hanno chiesto a Trump dell’incidente, lui ha detto di non averne sentito parlare. All’inizio ha detto, “Sarebbe una vergogna.” Ma subito dopo ha continuato il discorso: “Direi che la gente che mi segue è molto appassionata. Amano questo Paese. Vogliono che questo Paese sia di nuovo grande. Ma sono molto appassionati. Direi questo.” Quello è stato il momento in cui Donald Trump ha ufficialmente smesso di far ridere.

Trump ha detto cose terribili durante tutta questa assurda campagna per la presidenza, ma la maggior parte delle persone sane di mente si è consolata pensando che non potrà mai vincere. (Anche se i recenti sondaggi sulla spirale discendente di Hillary Clinton hanno messo a repentaglio questo pensiero rassicurante).

Molti degli osservatori politici più esperti sostenevano che l’impatto concreto che avrebbe avuto la campagna di Trump si sarebbe limitato nella peggiore delle ipotesi a minare la fiducia degli elettori nei confronti del Partito Repubblicano come partito mainstream. Questo ha reso la campagna di Trump divertente, un po’ kitsch, come guardare una performance artistica pornografica. Dopotutto, che cosa c’è di più osceno che pisciare sulla presidenza degli Stati Uniti? Tutto è reso ancora più assurdo se si pensa che il protagonista di questa pagliacciata è una star dei reality che potrebbe pure essere conscio del suo ruolo di barzelletta, anche se ovviamente sarebbe tutto più divertente se non lo fosse.

L’intera nazione lo ha guardato come si guarda l’incidente stradale di un ragazzino ricco e viziato che si schianta con la Rolls di famiglia in un burrone. È stato un spettacolo incredibile per un po’, ma il fattore bruttezza è andato fuori controllo.

Trump è forse troppo stupido per capirlo, o forse no, in ogni caso non ha bisogno di vincere per diventare la persona più pericolosa d’America. Può fare un sacco di danni solo incoraggiando le persone ad essere disinibite con la loro stupidità come è lui. Trump suona una corda nel cuore della gente che si sente oppressa in un mondo sempre meno sicuro e pronta ad addossare la colpa per i loro problemi a qualcuno – che siano il governo, gli immigrati, il politically correct, gli “incompetenti,” gli “stupidi,” Megyn Kelly, o chiunque altro.

Karl Rove e i suoi accoliti hanno foraggiato quello stesso risentimento in passato per agevolare l’elezione di candidati repubblicani, ma qui la differenza è che lo stile politico di Trump incoraggia le persone a esprimere la loro rabbia, non solo ad andare a votare. La chiave del suo successo è il messaggio solleticante che quelle vecchie e polverose regole sull’essere educati e “dire la cosa giusta” siano per perdenti che non hanno il cuore, il coraggio e la Trumpitudine di essere loro stessi.

Il suo momento chiave, in una campagna piena di tali momenti, è stato lo scambio con la giornalista di Fox Megyn Kelly durante il primo dibattito televisivo tra i candidati repubblicani. Lei gli ha chiesto come possa vincere le elezioni un candidato che definisce le donne “maiali, cani, sciattone, e animali disgustosi” contro la candidata donna Hillary Clinton.
“Sono stato sfidato da così tante persone,” ha risposto Trump. “Francamente non ho tempo per essere politicamente corretto. E onestamente, neanche il Paese ha tempo… Non vinciamo più. Perdiamo contro la Cina. Perdiamo contro il Messico… Perdiamo contro tutti.”

A livello superficiale, Kelly stava solo facendo il suo lavoro di giornalista, rilanciando a Trump i commenti più oltraggiosi che aveva fatto e chiedendo una spiegazione. Ma su un altro livello, stava cercando di dominare Trump. L’estorsione di una umiliante scusa pubblica è una delle armi più potenti dei media. Qualcuno diventa famoso, si trova dello sporco legato a quella persona, glielo si sbatte in faccia e poi si chiede a quella persona di inginocchiarsi a chiedere perdono.

L’intervista dei Clinton del 1992 a 60 Minutes è un classico esempio, così come la prostrazione di Anthony Weiner davanti a Andrew Breitbart e la maratona di 107 minuti di scuse di Chris Christie dopo lo scandalo Bridgegate. Il sottotesto è sempre lo stesso: se vuoi andare al potere negli Stati Uniti, devi accettare il primato della stampa. È come dover pagare il biglietto d’ingresso al club più esclusivo al mondo.

Trump non ha voluto pagare. Non solo ha spiegato che quello che ha detto non era errato, ma anche che trattenere certi pensieri è un male per l’America. Ecco perché non vinciamo più, perché perdiamo contro la Cina e il Messico. Stava dicendo che nascondere pensieri proibiti sulle donne o sugli immigrati o chiunque altro non è solo noioso, ma negativo per l’America.

Ovviamente non è come dire di andare in giro a menare tutti con delle mazze di ferro. Ma quando la tua risposta alla notizia di due coglioni che invocano il tuo nome mentre picchiano a sangue un senzatetto è che i tuoi seguaci sono “appassionati” e “amano questo Paese”, allora hai superato il limite.
Da qualche tempo la destra in America flirta con alcune idee pericolose, in particolare su temi riguardanti l’immigrazione e le minoranze. Ma negli ultimi anni la retorica è diventata particolarmente folle.
Il membro texano del congresso Louie Gohmert ha proposto di usare truppe e navi da guerra per fermare l’invasione di bambini immigrati, che ha poi descritto come una minaccia à la 28 Giorni Dopo. “Non sappiamo neanche tutte le loro malattie, e che estensione hanno queste malattie,” ha detto. “Un sacco di pidocchi, un sacco di scabbia,” ha aggiunto un altro membro texano del congresso, Blake Farenthold. “Farò di tutto, a parte sparargli,” ha promesso Mo Brooks, membro del congresso dell’illuminato stato della Alabama.

Poi c’è Steve King, dell’Iowa, che è insolitamente stupido anche per la media dei membri del Congresso. Non solo crede che la recente decisione della Corte Suprema sui matrimoni gay permetta alle persone di sposare oggetti inanimati, ma crede anche che l’Agenzia per la Protezione dell’Ambiente avrebbe volontariamente rovesciato tre milioni di galloni di rifiuti tossici nel fiume Animas in Colorado per ricevere i Superfund, fondi destinati alla pulizia di siti contaminati. Alla fine dell’anno scorso, King ha chiesto alla gente di “circondare la residenza del Presidente” per rispondere alle politiche sull’immigrazione di Barack Obama. Ha detto di mandare le truppe a terra e che tutto è pronto per una battaglia contro gli immigrati.

Tutto questo era nell’aria prima che Donald Trump irrompesse con il suo “Sono degli stupratori”, e prima della sua lunatica idea alla Game of Thrones di costruire un muro lungo il confine con il Messico. Ma quando Trump è salito nei sondaggi a seguito di questa sparata, ha virtualmente giustificato gli altri candidati ad aumentare la loro retorica anti-immigrati.

Per esempio, Ben Carson – che in TV sembrava un dottore gentile e conviviale che si è appena svegliato da un pisolino – se ne è uscito dicendo di essere aperto alla possibilità di usare i droni sul suolo americano contro gli immigrati clandestini. Bobby Jindal di recente ha dichiarato che i sindaci delle cosiddette “città santuario” (città con leggi speciali rispetto agli immigrati clandestini) dovrebbero essere arrestati se degli immigrati senza documenti commettono dei crimini. Scott Walker e Marco Rubio hanno dovuto cambiare entrambi le loro posizioni propositive rispetto ai permessi di cittadinanza a causa di questa nuova aria.

Intanto, Rick Santorum, che risica lo zero percento nei sondaggi, si è unito a Jindal e Lindsay Graham dando retta anche lui al folle piano di Trump di stracciare il 14esimo emendamento e revocare il diritto di cittadinanza ius soli, estendendo così la guerra contro gli immigrati non solo ai bambini, ma anche ai neonati.
Questo atteggiamento è penetrato nella popolazione. Quando un politico dice una cosa stupida X, ci vogliono circa un paio di giorni perché la peggiore America inizia a flirtare pubblicamente con l’idea X + molto peggio.

L’abbiamo visto quando due settimane fa il presentatore radiofonico dell’Iowa Jan Mickelson ha fatto esplodere Twitter dicendo che gli immigrati clandestini dovevano diventare “proprietà dello stato” ed essere messi ai “lavori forzati.” Quando un ascoltatore lo ha punzecchiato sul tema, Mickelson ha risposto, “Cosa c’è di male nella schiavitù?”. Il perché ci sia questo insorgenza contro gli immigrati è un mistero. Perché Donald Trump, che forse non ha mai interagito con un immigrato clandestino, si debba così tanto occupare del tema è ancora più oscuro. (Forse è incappato in un immigrato mentre andava al quartiere residenziale di Cincinnati che suo padre gli ha regalato quando era un ragazzo?).

Probabilmente, gli immigrati sono solo un danno collaterale nella performance artistica di Trump, che consiste in una assurda celebrazione rituale dell’uomo cotonato di successo sempre trionfante sugli sfigati e sui rammolliti.
Trump non è un vero politico, ovviamente. È la recita di un uomo tutto di un pezzo, la parodia ridicola del superuomo nietzschiano. I suoi seguaci hanno un orgasmo ogni volta che guardano questo tizio con (si dice) 10 miliardi di dollari e una giovane maggiorata al braccio che va contro tutte le convenzioni politiche e sociali e ogni volta la fa franca.

La gente è stanca delle regole e di dover rispettare la morale. Vogliono smettere di controllare quello che dicono e quello che pensano ed essere semplicemente “pazzi”, come ha scritto Thomas Friedman. La campagna di Trump sta dando alla gente il permesso di farlo. È difficile usare questa espressione con una persona così poco attraente, ma il suo messaggio è un potente afrodisiaco. Fanculo tutto, fanculo tutti. Fanculo gli immigrati, e fanculo i loro bambini sporchi e pieni di pidocchi. E fanculo tu se non ti piace quello che dico.

Quelli di noi che pensano che i sondaggi e le primarie e i dibattiti sono un match qualsiasi sono un po’ naif. L’America si sta instupidendo. Ora gli stupidi sono usciti dalla loro gabbia, e Trump li sta aizzando. Ci sono molti modi in cui questo ci si ritorcerà contro, chiunque sia il vincitore delle elezioni.

Leggi anche