Terrore a Parigi: uomo assale passanti con coltello

Ci sono una vittima e diversi feriti. L'attentatore, un ceceno di 21 anni, è stato ucciso dalla polizia. L'Isis ha rivendicato l'azione.
Credit: Xinhua / IPA

Credit: Xinhua / IPA


Ieri sera un uomo ha aggredito con un coltello alcuni passanti in centro a Parigi, nei pressi dell’Opéra, e poi è stato ucciso dalla polizia. Secondo Le Figaro e Le Parisien, l’attentatore è stato identificato: classe 1997, era di origini cecene, non aveva precedenti ma, stando a fonti vicine all’investigazione, pare fosse stato schedato per vicinanza agli ambienti radicali islamici. I genitori del ragazzo sono sotto interrogatorio in queste ore.

Erano le 21 di sabato sera nel II arrondissement, la gente si affollava nei tanti locali della zona, quando improvvisamente in rue Monsigny, all’altezza della fermata metro Quatre septembre, è partito l’attacco. Una delle vittime è morta, almeno altre quattro sono rimaste ferite, per due di loro all’inizio si parlava di condizioni gravi, ma il ministro dell’Interno francese Gérard Collomb ha fatto sapere che non sono più in pericolo di vita.

Il procuratore capo di Parigi, François Molins, ha detto che “l’aggressore durante l’attacco ha gridato Allah Akbar”, citando alcuni testimoni.

L’Isis ha rivendicato l’attentato attraverso il suo organo di propaganda Amaq: sarebbe una risposta alle operazioni della coalizione, che sta combattendo lo Stato Islamico in Medio Oriente. I sopravvissuti parlano di panico assoluto: in molti si sono stesi a terra, altri hanno cercato rifugio all’interno dei ristoranti e dei bar, nascondendosi sotto ai tavoli e tentando di bloccare le porte dall’interno. Stando alle testimonianze, l’aggressore si è scagliato anche contro gli agenti di polizia che tentavano di immobilizzarlo, urlando: “Uccidetemi o vi ammazzo”.

Il premier francese Edouard Philippe ha fatto riferimento all’«efficacia e rapidità delle forze dell’ordine che hanno evitato un bagno di sangue, neutralizzando la minaccia in soli nove minuti da quando è cominciata». «La Francia paga ancora una volta il prezzo del sangue ma non cede un millimetro ai nemici della libertà» ha twittato il presidente Emmanuel Macron.

Mentre si lavora per fare chiarezza sulla matrice terroristica, sale a 245 il numero delle vittime di attentati in Francia dal 2015.