Home Rolling Affairs News

L’inquietante storia di un candidato fantasma

Sulla scheda elettorale arrivata agli italiani residenti all’estero appare un simbolo misterioso: Free flights to Italy di Giuseppe Macario. Indagando su chi sia il candidato, ci si imbatte in una sorta di surreale spy story tra titoli di studio inventati, accuse di diffamazione via web, persone impaurite e società fantasma a Panama.

Gli italiani residenti in America iscritti all’AIRE hanno ricevuto da pochi giorni la scheda elettorale. Tra i partiti che conosciamo, per la ripartizione America settentrionale e centrale, appare anche una lista con un simbolo blu e la bandiera dell’Italia che si chiama “Free flights to Italy” di Macario Giuseppe detto Joe e Borrelli Bettina Anna Maria.

Molti italiani residenti all’estero hanno fotografato la scheda elettorale con questo simbolo e la stanno commentando su twitter tra stupore e ilarità. Il simbolo e il nome della lista, oltre ad apparire alquanto bizzarri, mi giungono del tutto nuovi e quindi inizio ad indagare.

Free flights to Italy risulta essere una ong con sede a Roma. Dal sito freeflightstoitaly.ngo questa organizzazione sembrerebbe offrire agli affiliati che sono iscritti all’AIRE (anagrafe italiana dei residenti all’estero) una serie di servizi: rimborsi del cento per cento sui biglietti per l’Italia ai cittadini italiani affiliati (e si sostiene che abbiano già rimborsato 26 000 voli…). L’aiuto ai figli di cittadini italiani nati in America (Canada o America centrale) che desiderano ottenere la cittadinanza italiana tramite lo ius sanguinis. Borse di studio a cittadini italiani in America così che possano andare a studiare in Italia. Cosa abbia realizzato VERAMENTE questa ong ad oggi non lo sappiamo. Di certo c’è solo questa ong non è su alcun sito che elenca le ong italiane.

Andando poi su internet a cercare informazioni, si scopre che su questa ong non si trova praticamente alcuna informazione al di fuori di due siti (uno è un blog) legati allo stesso Giuseppe Macario, presidente di questa ong e candidato, ovvero giuseppemacario.blogspot.com e https://giuseppemacario.men/free-flights-to-italy.html.
Inoltre, c’è un’ intervista a Macario sul sito lavocedinewyork.com datata 13 febbraio in cui lo stesso Macario dice che Free flights for Italy non è un partito ma una ong. L’intervista è molto vaga sia sul programma che sulla carriera di Macario: “L’Italia deve accogliere gli italiani, inclusi i residenti all’estero, anziché tenerli lontani o mandarli via. L’unica soluzione è quella presentata da Free Flights to Italy”. La sostanza del programma è sostanzialmente questa. Come la Ong si autofinanzi rimane un mistero.

Ora cerchiamo di capire chi siano Giuseppe Macario detto Joe e Bettina Anna Maria Borrelli candidati con questo oscuro Movimento Freeflifghts for Italy. E qui la situazione diventa intricata, ambigua e inquietante ai limiti della spy story.
Sulla Borrelli, sul web, prima di questa sua candidatura non esiste nulla. Sul sito lavocedinewyork.com viene descritta così:

71 anni, pensionata, abruzzese e ritornata in Italia dopo una vita dedicata all’insegnamento della lingua italiana, attualmente si occupa (senza alcun fine di lucro, e su richiesta degli interessati) di genealogia e di rintracciare i documenti degli avi degli italiani emigrati negli USA o in Canada.

Passiamo a Giuseppe Macario e iniziamo la strana ricostruzione delle informazioni su di lui.
Sullo stesso sito lavocedinewyork.com si dice questo:

36 anni, docente universitario a contratto in California, è titolare di un’impresa nel settore informatico ed educativo, più precisamente nella realtà virtuale, realtà aumentata e mondi virtuali 3D, con uffici a Panamá (sede principale), Los Angeles, San Francisco, New York, Winnipeg (Manitoba). È autore di due libri sullo stesso tema, di cui uno conservato nella Biblioteca del Congresso (Library of Congress) di Washington.

Vado a cercare una biografia di Macario e trovo una montagna di titoli e informazioni che lo fanno apparire una sorta di genio eclettico. Forse troppo eclettico.
Finisco su http://wiki.secondlife.com e scopro che Macario ha 36 anni (è nato nel 1981) ed è ANCHE docente a tempo indeterminato di informatica presso l’università della “California Università della Gente” (University of people) di cui è referente per l’Italia del polo universitario internazionale virtuale, ed è responsabile dell’ACM Student Chapter di Pasadena, California. Sarebbe anche esperto di cybersicurity e fondatore e proprietario della startup Vega: cybersecurity & privacy.

Inoltre, ha fondato l’unica agenzia di stampa bilingue di Second Life, che si è anche occupata della traduzione in esclusiva dei reportage dal metaverso dell’agenzia internazionale Reuters.

Sarebbe un pioniere di Second Life e l’unico italiano ad avere due record del mondo in competizioni di programmazione con problemi che non sono stati risolti neppure ad Harvard.

Su infojobs.it si dice abbia un dottorato di ricerca a Princeton. Lo conferma anche lui nella sua bio sul suo sito officiale. Dice di aver studiato al Mit.

Sul suo sito giuseppemacario.men si dice che “insegna e partecipa a iniziative di ricerca presso università in Italia e in America. Giuseppe Macario scrive sceneggiature per produzioni televisive, incluso un corto con Julia Roberts ”(Giuseppe Macario wrote the screenplay for this beautiful short movie where Julia Roberts travels to Scotland, France and Italy). Segue video dello spot Calzedonia con Julia Roberts.
Bene.

Andando a verificare queste informazioni si scopre che nessuna di queste trova alcun riscontro certo. Anzi, la maggior parte sono autentiche bugie.
Partendo dalle cose più semplici: Giuseppe Macario non appare in alcun credit dello spot Calzedonia con Julia Roberts realizzato da Saatchi&Saatchi. Antonio Gigliotti di Saatchi mi conferma al telefono che nessun Giuseppe Macario ha partecipato alla creazione dello spot in questione. Non sa chi sia. “Si chiama Macario come il comico, appunto”, mi risponde.

Stranamente però, se su google si digita il nome Giuseppe Macario + Calzedonia si scopre che Macario ha caricato degli spot Calzedonia sulla sua pagina YouTube associandoli dunque al suo nome. Forse per far risultare credibili le sue dichiarazioni.

L’università di Princeton, sentita al telefono, dopo alcuni controlli sul registro mi informa via telefono e via mail del fatto che nessun Giuseppe Macario ha ottenuto un dottorato presso l’ università.

L’università della California Università della Gente in cui avrebbe una cattedra da docente di informatica ha una barra di ricerca interna per nome e digitando il nome “Giuseppe Macario” non esce fuori alcun risultato, così come su google cercando Giuseppe Macario associato a tale università.
Il Mit nega di averlo avuto come studente tramite un certificato di cui sono in possesso.

Sul dove viva effettivamente ci sono alcune contraddizioni.
Nel video promozionale per le elezioni del suo Movimento Free flights to Italy (in cui c’è solo la sua voce con una foto) dice di avere un ufficio a Panama e di vivere tra Stati Uniti e Canada.
Ha una pagina fb in cui dice di vivere a Los Angeles. Secondo una dichiarazione di trasparenza del Movimento sul sito del Ministero dell’interno, è nato a Roma, il suo domicilio è a Fiano Romano. Sempre sul sito del ministero dell’interno (dait.interno.gov.it) si scopre che l’avvocato Maria Cecilia Gabbianelli è il segretario del Movimento Free flights. Su questo avvocato non esistono informazioni ma secondo alcune ricerche che ho effettuato sarebbe cugina di Giuseppe Macario.

Il profilo facebook di Giuseppe Macario è piuttosto strano e sembra effettivamente più quello di qualcuno che vive una “Second life” che una vita reale. Non scrive quasi mai nulla, posta foto di località marittime paradisiache e ha 255 amici che sono quasi esclusivamente amiche over 30 bionde, appariscenti stile playmate, straniere. Ha pochissimi amici italiani. Strano per uno che ha vissuto in Italia fino al 2008, lavora con l’Italia e lavora con università italiane. Per di più, molte foto utilizzate da Macario in realtà non ritraggono lui ma il noto fotografo Nigel Barker.

E ora passiamo alla parte più inquietante.
A Giuseppe Macario sono evidentemente collegati altri siti quali www.presto.news in cui dichiara stranamente di NON essere ricercato dall’FBI (reindirizza direttamente al suo sito ufficiale) e www.evidence-based.review (registrato a Panama) in cui annuncia di fare debunking di bufale. Nel sito ci sono solo due link VISIBILI ad articoli che denunciano una presunta TRUFFA dell’Università popolare di Milano e un altro istituto svizzero. (questione finte lauree, una storia piuttosto lunga e controversa).

Ho chiamato il presidente dell’Università Marco Grappeggia chiedendogli se conosce Macario e mi ha detto “Questa persona ne ha fatte di cotte e di crude. Ho sentito gente piangere per quello che gli ha fatto, ma non gente comune, parliamo di professori di Harvard e Columbia e gente di una certa levatura che ha dovuto rivolgersi a investigatori per capire chi sia davvero questa persona. Ha distrutto la nostra reputazione col sito presto.news che poi è stato fatto chiudere da noi e ha riaperto con un nuovo sito (il già citato evidence). L’abbiamo querelato per diffamazione ma la querela è stata impossibile notificarla, visto che non si sa dove viva veramente”. Alla fine della telefonata il presidente mi fa due nomi: J. B. (professore da 15 anni al Mit di Boston) e Mellissa Riddle. Mi dice di contattarli perché anche loro hanno a che fare con il tizio.

J. B. mi ha detto “Le rispondo solo per sincerarmi che lei non sia una persona legata a Macario perché c’è gente che di lui ha paura. So che ne ha fatte di tutti i colori, anche alla mia amica Mellissa”. Contatto via mail Mellissa Riddle, studentessa di Harvard. Mi risponde via mail: parlo solo con il mio avvocato presente perché nonostante non lo conosca, le sue azioni devianti nei miei confronti e di altre donne sono allarmanti”. In una successiva mail mi dà disponibilità a incontrarla con l’avvocato nei prossimi giorni dicendo che ha paura che lui le faccia ancora più male perché gode nel far soffrire le persone.

In effetti, googlando Mellissa Riddle, viene fuori come primo risultato una lunga pagina di accuse gravi sul conto di Mellissa: tentativi di estorsione, predatrice sessuale, schizofrenica, con disturbi di personalità, basso QI e persona che si spaccia per finta professoressa di Harvard. Ci sono poi delle foto di presunti messaggi privati della Riddle (paiono sms) non si sa a chi, in cui la ragazza parlerebbe delle sue abitudini sessuali. I messaggi, per la cronaca, di per sé non sono significativi di nulla.

Altro sito che riporta al sito di Macario è www.cheatturnitin.com (ovvero “imbroglia Turnitin”). TURNITIN è un programma che rileva eventuali plagi di testi ed è in dotazione presso le università. Digitando www.cheatturnitin.com si arriva diretti al sito www.giuseppemacario.men.
In effetti, su blogspot gestito da Università popolare di Milano si dice che Macario venda un programma chiamato “Cheatturnitin” che serve agli studenti per truffare le università.
Rudy Bandiera, esperto in materia digitale, altra persona di cui Macario si occupa nel sito Evidence e tacciato di vare cose, contattato al telefono mi dice che voleva muoversi tramite avvocati perché si sente diffamato ma i server del sito collegato a Macario sono all’estero e lo sforzo era superiore al danno. Luca La Mesa, italiano che lavora nel marketing con importanti gruppi, altra persona citata dal sito, mi dice che ha dato mandato ai suoi avvocati per procedere contro questo sito anche se è un sito nascosto, con server all’estero. Non conosce Macario e sta contattando le altre persone che cita per agire in gruppo contro di lui.

Silvia Vianello, manager a Dubai per un’importante multinazionale e per dieci anni docente in Bocconi, è un’altra vittima di Macario, il quale sostiene sul solito sito che è “una che si spaccia per professoressa alla Bocconi non essendolo”. Contattata al telefono, mi dice “Uno studio legale mi ha proposto una class action contro questo soggetto, io sono basita. Ho insegnato per 10 anni alla Bocconi, ho ancora la casella elettronica della Bocconi, non conosco questo soggetto e non so perché mi abbia preso di mira. Lui credo agisca sempre contro persone che hanno visibilità sui social come Bandiera, La Mesa e me, persone che hanno attività accademiche e allo stesso tempo professionali (io nella consulenza, altri come La Mesa nell’advertising). Sembra ossessionato da questi profili”.

Infine, tanto per aggiungere altre stranezze alla vicenda, cliccando su www.boyfriendhusband.men, una bizzarra pagina in cui si suggerisce alle donne come trovare ricchi mariti italiani, si finisce sul solito www.evidence-based.review, collegato a Macario.

A tutto questo va aggiunto un ultimo particolare inquietante: dopo alcune ricerche sul sito di Macario, qualcuno blocca l’ip con cui navigo. La stessa cosa succede a persone che mi aiutano nella ricerca. Probabilmente Macario o chi per lui blocca gli ip che arrivano dai link dei siti che raccontano le sue attività sospette sul web.

Non esistono mail di Giuseppe Macario. Non esiste mail della Ong (c’è un form di contatto). Non esiste numero di telefono della ong e di alcuna società che Macario dice di possedere.
Su twitter segue Chi l’ha Visto, Un giorno in pretura, l’Agenzia delle Entrate ed è seguito da pochissime persone, molti account quali NoiconSalvini (di Municipi diversi), Roma con Salvini etc.
Posta principalmente notizie di suicidi, sparizioni e questioni di natura politica. Mai nulla di personale. Mai interazioni con altre persone.
Il suo profilo instagram ha qualche foto di paesaggi e hotel.
Ho scritto alla Farnesina per sapere se collaborano con la sua Ong, sono in attesa di risposta.
Non c’è modo di contattarlo. Nel caso volesse farlo lui, sarei lieta di ascoltare la sua versione.

Ora, per chiudere, io non so chi sia Giuseppe Macario ma le informazioni raccolte sono perlomeno sospette e inquietanti. Soprattutto, credo che prima di inserire la sua candidatura in una scheda elettorale, in un paese normale si sarebbero fatte delle verifiche accurate su attività, persona, curriculum.
Lo meriterebbero tutti i cittadini italiani, non solo quelli che risiedono all’estero.

PS. Un funzionario di info-cooperazione, il più autorevole osservatorio sulla trasparenza delle ong, ha analizzato la situazione delle due organizzazioni non governative legate a Macario, una delle quali è appunto Free flights to Italy, e ci ha detto che “a vedere rapidamente quanto presente su internet sono delle organizzazioni create all’estero, non credo proprio siano onlus secondo la legge italiana. Il dominio .ngo (in uso raramente e solo negli USA) fa pensare che siano semplicemente associazioni costituite all’estero che possono denominarsi NGO ma non sono assimilabili alle ONG (organizzazioni non governative) registrate presso il ministero degli affari esteri italiano. Negli Stati Uniti per esempio, qualunque associazione privata può definirsi NGO, non governamental organisation, appunto. Poi vedo che sono liste depositate per le elezioni per i collegi esteri, quindi sicuramente detenute da qualcuno che risiede all’estero. Entrambe sembrano riportare a tal Giuseppe Macario”.

Leggi anche