Home Rolling Affairs News

L’incendo di Notre-Dame è stato spento

Martedì mattina i pompieri hanno definitivamente estinto le fiamme nella cattedrale di Parigi. Si indaga per incendio colposo

I pompieri parigini hanno spento l'incendio a Notre-Dame

Foto via Twitter/B.Moser - BSPP

È definitivamente spento l’incendio che ha bruciato una parte della cattedrale di Notre-Dame di Parigi, secondo quanto dicono i vigili del fuoco della città.

I vigili stanno ancora valutando i danni: è andata distrutta gran parte del tetto (circa due terzi, 1000 metri quadrati) e la grande guglia centrale. Tutte le opere d’arte e buona parte dell’interno non sono state raggiunte dalle fiamme. La procura di Parigi ha aperto un’indagine per incendio colposo, probabilmente nato da un corto circuito nella parte in cui si stavano effettuando lavori di restauro.

Il portavoce dei vigili del fuoco Gabriel Plus ha raccontato ad AFP come i pompieri hanno lavorato: hanno prima capito come gestire l’incendio, cercando di mettere in salvo le due torri della facciata. Se il fuoco le avesse raggiunte, avrebbe compromesso la tenuta di tutta la struttura. Il salvataggio delle opere e degli interni è stata la priorità dei 400 vigili coinvolti. Ha anche ammesso che, a un certo punto, «non era impensabile che tutta la chiesa potesse crollare». Il ministro della Cultura, Franck Riester, ha dichiarato che «l’organo è stato chiaramente leso, i grandi dipinti hanno probabilmente subito danni a causa dell’acqua».

Il bilancio finale in termini di persone è di due poliziotti e un pompiere con leggere ferite.

La guglia era stata costruita nel 1860, mentre il tetto risaliva al XIII secolo.

Al momento sono stati raccolti 300 milioni di donazioni da parte dei colossi del lusso francese, Kering e LVMH.

Leggi anche