Home Rolling Affairs News

La figura di merda di Giorgia Meloni

Ha accusato il Museo Egizio di Torino di "discriminazione al contrario" per uno sconto sul biglietto ai cittadini di lingua araba. E poi, tramite il responsabile della comunicazione, ha minacciato che se andrà al governo ne licenzierà il direttore. Peccato che, però, non possa farlo.

Una delle serie di gag più famose di Corrado Guzzanti, periodo Ottavo Nano o giù di lì, è quella de ‘La Casa delle Libertà’. In un appartamento apparentemente normale, a un certo punto, a qualcuno viene un’idea sovversiva, come pisciare sul divano o abbattere un muro a mazzuolate per fare una nuova finestra sul salotto del vicino: e alla voce fuori campo che esclama ‘Ma questo non si può fare!’ il protagonista, impenitente, risponde ‘Ma certo che si può! Nella casa delle libertà!’, dopo di che parte un trenino sulle note del Discosamba e quindi lo slogan ‘Facciamo un po’ come cazzo ci pare’. La casa delle libertà, ovviamente, era il nome della coalizione che avrebbe portato al governo Berlusconi e il centrodestra unito per cinque lunghissimi anni, a cui le percentuali bulgare con le quali vinse le elezioni portarono un leggerissimo delirio di onnipotenza.

E visto che le elezioni si avvicinano e i sondaggi più o meno sono concordi e già Giorgia Meloni sente il friccicorio della vittoria, ha iniziato a interiorizzare lo slogan di quella che era la copia in carta-carbone della sua coalizione e a fare ‘un po’ come cazzo gli pare’. Tipo promettere, tramite il responsabile della comunicazione di Fratelli d’Italia Federico Mollicone, il licenziamento di un direttore di museo. Anche se, per ironia della sorte grazie a un provvedimento proprio della Casa della Libertà, non può. ‘Ma tutto questo Giorgia non lo saaa’ chiosa De Gregori, e le cose che non sa, come si può facilmente evincere dal video su Youtube del rendez vous tra la Meloni e Christian Greco (il suddetto direttore del Museo Egizio di Torino) che l’ha fatta infuriare, sono tante. Andiamo con ordine.

Nello scorso dicembre il museo lancia la seconda edizione della campagna promozionale ‘Fortunato chi parla arabo’, con la quale offre ai circa 35.000 arabofoni residenti nella provincia di Torino la possibilità di acquistare due biglietti al prezzo di uno. Era già successo l’anno prima, e i motivi di quest’offerta risiedono sostanzialmente nel tentativo di riconciliazione della comunità nordafricana con il proprio patrimonio artistico, in un gesto che ha a che fare con l’apertura, con il ringraziamento e soprattutto con il riavvicinamento di cittadini di varie nazionalità con le proprie radici, sia in ottica prettamente culturale che in prospettiva anti-integralista. Una bella iniziativa, insomma.

Non per la destra militante, ovviamente, che vede nell’offerta una palese discriminazione degli italiani, ma soprattutto, e non si è capito bene perchè, della cristianità tutta. Ci arriviamo fra pochissimo, ma in sostanza dopo giorni di attacchi sui giornali, in tv e sui social da parte soprattutto di Lega e Fratelli d’Italia, a prendere il coraggio a due mani ci pensa Giorgia Meloni, che in occasione di una gitarella elettorale in quel di Torino punta dritta verso l’ingresso del Museo Egizio, intenzionata a dirne quattro al buonista e cristianofobo direttor Christian Greco.

Il problema è che Christian Greco scende e le risponde, annientando tutte le piccole certezze della povera Giorgia. All’accusa di discriminazione religiosa le fa notare che in Egitto ci sono milioni di copti, che sono cristiani ma parlano arabo. All’accusa di far propaganda con i soldi pubblici le comunica che il museo non prende un centesimo di contributi statali. All’accusa di escludere gli italiani dagli incentivi economici alla visita al museo le elenca tutte le altre promozioni in essere, per i giovani, le coppie a san Valentino, le famiglie con un figlio con meno di un anno, per i papà e le mamme nelle loro rispettive feste, persino per i possessori di biglietti Trenitalia. Al che ci si sarebbe aspettati la visita di un adirato Montezemolo, ma lui niente, scena muta.

La stessa scena che fa Giorgia, che tra le altre cose non sapeva che la collezione esposta non è patrimonio italiano ma appartiene a Il Cairo, e che quello di Torino è l’unico museo al mondo a cui non è stata fatta richiesta di restituzione. Un successo, insomma, anche supportato dai numeri, che negli ultimi 3 anni hanno addirittura subito un incremento del 500%. Una sconfitta, invece, per la povera Giorgia, che non potendo replicare come avrebbe voluto (e soprattutto dopo esser stata smerdata pubblicamente grazie al video che ha fatto il giro di tutti i siti d’informazione del paese) ha deciso di rispondere nel più maturo e istituzionale dei modi: il pallone è mio e decido io. Ovvero, promettendo, tramite il responsabile della comunicazione Mollicone, di cacciare il direttore una volta che il suo partito sarà al governo, grazie a uno “spoil system automatico di tutti i ruoli di nomina del ministero della Cultura”. Peccato, Giorgia.

Peccato perchè Christian Greco è uno preparatissimo, uno che guadagnò la sua prima stagione di scavi a soli 21 anni, titolare fino ai 38 della cattedra di Archeologia Funeraria Egizia all’Università di Leida, con una trentina di pubblicazioni all’attivo e che ciononostante ha accettato di tornare in Italia, controtendenza, per dare una mano al suo paese. Peccato perchè sotto la sua gestione i visitatori sono praticamente raddoppiati, passando dai 540.000 del 2013 al milione previsto per il 2018, con quasi dieci milioni di incassi in arrivo quest’anno. Peccato perchè il museo ha subito un restyling imponente, durato quasi tre anni, che ha portato a diecimila metri quadrati d’esposizione con più di tremila reperti esposti, in una nuova veste moderna ed ‘europea’.

Peccato, soprattutto, che tu non lo possa cacciare. Perchè il museo, dal 2004 e per trent’anni, è di gestione esclusiva della Fondazione Museo delle Antichità Egizie, e perciò i direttori se li nomina, e nel caso destituisce, da solo. E visti i numeri, il talento e le migliorie espresse dall’attuale direzione, dubito che vorranno liberarsene. Perciò, cara Giorgia, stavolta ‘questo non si può fare’ per davvero. Nemmeno nella Casa delle Libertà. Brigitte Bardot Bardooot…

PS. Un’ora fa Giorgia Meloni ha smentito di aver minacciato la rimozione del direttore del Museo Egizio di Torino dal suo incarico. Resta comunque il comunicato inequivocabile del responsabile nazionale della comunicazione di Fratelli d’Italia, Federico Mollicone.

Leggi anche