Il toccante discorso di Michelle Obama alla convention democratica | Rolling Stone Italia
Home Rolling Affairs News

Il toccante discorso di Michelle Obama alla convention democratica

«In queste elezioni, come in ognuna, tutto ruota intorno a chi avrà il potere di formare i nostri bambini per i prossimi anni delle loro vite». Il video:

Michelle Obama è stata la protagonista indiscussa del DNC, la convention nazionale dei democratici, con un discorso di 15 minuti in cui ha parlato del ruolo che avrà il prossimo Presidente nel futuro della gioventù americana.

«In queste elezioni, come in ognuna, tutto ruota intorno a chi avrà il potere di formare i nostri bambini per i prossimi anni delle loro vite, e sono qui stasera perché in queste elezioni c’è solo una persona di cui mi fido, una sola persona che credo sia davvero qualificata per essere il prossimo Presidente degli Stati Uniti. E quella persona è la nostra amica Hillary Clinton».

Michelle ha iniziato il suo discorso parlando del viaggio della sua famiglia a Washington D.C., dei problemi e delle sfide che hanno dovuto affrontare alla Casa Bianca e come le critiche nei confronti di Barack Obama abbiano avuto effetti anche sulle figlie.

«Noi cerchiamo di spronarle a ignorare chi non crede nella fede del padre. Insistiamo nell’insegnargli che il linguaggio pieno di odio che spesso usano personalità pubbliche in televisione non rappresenta la vera natura di questa nazione. Non dobbiamo abbassarci a quel livello. Il nostro motto è: più loro vanno in basso e più noi voliamo alto».

La First Lady ha poi definito Hillary una persona che si mette davvero al servizio della gente e che ha dedicato la sua esistenza a rendere migliore l’America. «Quando otto anni fa non fu vinse la candidatura per la presidenza non si arrabbiò. Prese le sue cose e andò via. Hillary sa benissimo che questa è una cosa molto più grande che va al di là dei propri desideri o risentimenti. Quello che ammiro di lei è che non la spaventa nessun tipo di pressione, e non è una che sceglie la via più facile di fare le cose. Non ha mai lasciato niente di incompiuto nella sua vita. Quando penso a un Presidente che vorrei per le mie ragazze e per tutti i nostri figli non posso che pensare a lei».

«Voglio qualcuno che abbia la forza di portare avanti i propri ideali, qualcuno che conosce il proprio lavoro e lo prende seriamente, qualcuno che conosce i problemi che un Presidente deve fronteggiare ogni giorno e che non si possono risolvere in 140 caratteri».

Nonostante non abbia mai menzionato Trump, Michelle ha aggiunto «di non fidarsi di chi vi dice che la nostra nazione non è grande, o che bisogna riportarla alle grandezze del passato. Perché, allo stato attuale, è la nazione più grande della Terra».

Altre notizie su:  clinton obama trump white house