Il candidato fantasma sarebbe un molestatore seriale

La vicenda di 'Free Flights for Italy', la lista comparsa sulle schede elettorali degli italiani residenti all'estero, si fa sempre più inquietante: numerose ragazze del mondo accademico sono state molestate e diffamate, e il sito dell'ong è sparito.

“Esistono storie che non esistono”, diceva qualcuno. Quella di Giuseppe Macario, candidato nel nord e nel centro America con la già improbabile lista Free Flights for Italy, sembra essere una di quelle. Alla luce di quanto raccontato ieri, come sia stato possibile che il suo nome e il suo “movimento” siano finiti sulla scheda elettorale destinata agli italiani residenti all’estero è mistero fitto.

Dopo la pubblicazione della nostra inchiesta, intanto, il sito Free Flights for Italy è sparito.
In attesa di sapere qualcosa dal Ministero dell’Interno (già contattato), ho raccolto altre informazioni e testimonianze su di lui e la faccenda sta assumendo contorni molto inquietanti.

La Farnesina non ha mai avuto a che fare con questa “ong”. Numerose ragazze italiane residenti in America (città diverse) – e anche alcune americane – e quasi tutte nel mondo accademico, conoscono virtualmente questo Macario poiché hanno subito cyberstalking e diffamazioni di varia natura da questo individuo. Sarebbero circa 90. Tramite un suo sito da noi citato ieri nella nostra inchiesta, le ragazze vengono sistematicamente accusate di truffa, di spacciarsi per finte professoresse, di essere predatrici sessuali, di estorcere denaro tramite ricatti virtuali e altro. Queste pagine diffamatorie nel sito di Macario sono nascoste e vi si accede solo tramite Google, digitando il nome delle ragazze prese di mira. Molte di loro (Elena, Federica, Silvia, Mellissa…) si sono coalizzate e si sono rivolte a dei legali, al momento singolarmente.

Le modalità di approccio di questo fantomatico candidato Macario sono sempre le medesime: si infiltra in gruppi fb di italiani all’estero quali PhD, PostDoc e ricercatori in USA. Scrive cose qualunque per non sembrare sospetto, poi scrive a delle ragazze e si accanisce su di loro cercando di rovinare la reputazione delle malcapitate. Osservando la sua pagina fb in effetti, la lista delle amiche pare accuratamente selezionata in tal senso.

Riguardo la sua identità invece siamo nella sfera del “tutto è possibile”. Anche che Giuseppe Macario non esista. Dalla scheda inserita nel sito del Ministero dell’Interno risulta residente a Fiano Romano. Anche l’altra persona candidata con lui nella lista, Bettina Anna Maria Borrelli, risulta residente a Fiano. L’anagrafe di Fiano conferma l’esistenza dei due personaggi che sono, questa la prima novità, madre e figlio.

Nessuno però a Fiano al momento sembra conoscerli, anche chiamando negozi e attività di fronte al loro presunto domicilio. Dalla visura che ho visionato, i due risultano proprietari di due aziende destinate alle coltivazione di cereali.

Le foto nel sito di Macario, nella sua pagina fb e sul suo Twitter appartengono quasi tutte a Nigel Barker, fotografo americano, e al pornodivo Johnny Sins.
Osservando il documento depositato sul sito del Ministero dell’Interno appare una firma la cui G somiglia a quella della compilazione dei dati personali che in teoria dovrebbe aver trascritto il notaio. Un notaio omonimo di quello che ha certificato il documento, googolando, ha avuto grossi problemi con la giustizia nel 2015, ma questo potrebbe non essere un dato significativo.

Nessuno dei giornalisti che lo ha intervistato (due in tutto) ha mai parlato con lui. Macario ha risposto ad alcune domande via mail. Quell’indirizzo mail non risulta più funzionante, come il suo sito.

A chi scrive il candidato fantasma, ha bloccato l’ip. Attendiamo una dichiarazione ufficiale del Ministero dell’Interno e la verifica delle firme che in teoria il candidato avrebbe dovuto depositare presso il consolato per ottenere la candidatura.

Certo è che nell’era del #meToo sull’onda della rivoluzione femminile in America, noi a quanto pare siamo riusciti a candidare in America un molestatore seriale.

AGGIORNAMENTO: un giornalista residente a Fiano Romano è andato a controllare se all’indirizzo indicato come domicilio da Macario abiti qualcuno. Ha risposto la signora Bettina Anna Maria Borrelli ma ha dichiarato di non voler rilasciare interviste. Il giornalista ha chiesto informazioni a vicini di casa e hanno confermato che Giuseppe Macario e sua madre vivono lì. Affermano che i due sono molto conosciuti in paese per la “stranezza” della loro situazione, che escono poco di casa (lui a quanto pare mai), che Giuseppe Macario ha la fama di essere un esperto in informatica ma anche quella di persona che soffre di disturbi della personalità non meglio specificati. Tutte le persone interpellate non vogliono sia fatto il loro nome. Il notaio Luigi D’Alessandro indicato sull’atto depositato da Macario nel sito del ministero dell’interno, sentito al telefono, ha affermato che la sua firma è falsa e non ha mai incontrato Macario. Sporgerà denuncia nei confronti di Macario.