Home Rolling Affairs News

A Torino apriranno le nuove OGR, tra arte, musica e innovazione

Con due settimane di eventi gratuiti che già si preannunciano imperdibili, a partire dal 30 settembre la città diventerà casa di uno dei progetti di riqualificazioni più imponenti in Europa

Il 30 settembre 2017 apriranno a Torino le nuove OGR con Big Bang, due settimane di eventi e appuntamenti a ingresso completamente gratuito. Infatti, grazie a un progetto di riqualificazione curato dalla Fondazione CRT e finanziato con 90 milioni di euro, l’area di 35.000 mq verrà trasformata in un Distretto della Creatività e dell’Innovazione, un punto d’incontro internazionale nel cuore di Torino per mostre, spettacoli, concerti, eventi di teatro e danza, laboratori, start up e imprese innovative, per un esempio di riconversione industriale unico in Europa che sarà capace di far convivere al proprio interno due anime, quella della ricerca artistica, in tutte le sue declinazioni, e quella della ricerca in ambito tecnologico.

«La Fondazione CRT con il progetto OGR ha messo in campo uno sforzo senza precedenti dal punto di vista economico, progettuale e realizzativo, per fare delle nuove OGR e di Torino un vero e proprio place to go per i prossimi anni – ha affermato il Segretario Generale Massimo Lapucci, in qualità di Direttore Generale OGR. «Vogliamo ambire a un progetto unico nel panorama nazionale ed europeo, e richiamare a nuova vita le officine come luogo di ideazione e riparazione per l’arte, la cultura, l’innovazione e la tecnologia. Le nuove OGR saranno un luogo fruibile da tutti, in cui arti e scienze possano essere forgiate e ‘riparate’ in modo dinamico».

La giornata d’inaugurazione, prevista per il prossimo 30 settembre, durerà ininterrottamente fino a notte fonda con una serie di concerti ideati appositamente per le OGR, tra artisti italiani e internazionali, con uno speciale show che sarà trasmesso in diretta streaming. Ad arricchire ulteriormente il primo giorno di Big Bang, ci penserà poi Patrick Tuttofuoco, artista italiano tra i più apprezzati della scena contemporanea, che realizzerà, insieme ai bambini ospiti di CasaOZ, un paesaggio futuristico di 2.500 mq in cui i visitatori potranno perdersi.

La ciliegina sulla torta arriverà poi in occasione di Artissima 2017, fiera di riferimento nel panorama italiano, quando le OGR dopo quattro anni torneranno a ospitare una selezione direttamente curata dai ragazzi di Club To Club, il festival di musica avant-pop ed elettronica, ormai fiore all’occhiello della scena europea. Ma le sorprese non finiscono qui, dato che il prossimo 3 novembre un importante progetto espositivo organizzato insieme alla Fondazione Sandretto Re Rebaudengonovembre, e firmato da tre curatori d’eccezione: Tom Eccles, direttore del Center for Curatorial Studies del Bard College di New York, Mark Rappolt, redattore capo della prestigiosa rivista inglese Art Review, e Liam Gillick, artista di fama internazionale. La mostra nascerà dalla collaborazione con alcune dei più importanti musei di Torino , tra cui Museo Egizio, Palazzo Madama, MAO, GAM e Castello di Rivoli.

Leggi anche