Home Rolling Affairs News

“A 90 gradi per natura ci si mette lei”, il video della battuta sessista del consigliere.

Un video testimonia la risposta sessista del consigliere Tiziano Ferrari alle provocazioni della grillina Barbara Setti, ma per la giunta di Bussolengo non c'è niente di male.

Consiglio Comunale di Bussolengo (Verona), 20 000 abitanti circa.
Si stava svolgendo una discussione sull’appalto per le mense, quando Barbara Setti del M5s ha accusato la maggioranza di essere “serva a 90 piegata davanti alla regina” (la regina sarebbe la sindaca Paola Boscaini). Un’evidente metafora, insomma.

A quel punto, il consigliere comunale di maggioranza (Tiziano Ferrari) si rivolge a Barbara Setti e le risponde al microfono: «Tra io e lei per natura, a 90 gradi ci si mette più lei che io!». Nessuno batte ciglio. Nessuno lo invita a chiedere scusa. Anzi. Come riferisce il Corriere del Veneto, il consigliere di minoranza Giovanni Amantia (Pdl) ha domandato alle donne della maggioranza cosa pensino della frase sessista di Ferrari. Secondo l’assessore Annalisa Scaramuzzi: «Considerata la pacatezza di Ferrari, se si è espresso così è perché ha perso la pazienza».

Anche la sindaca Paola Boscaini sceglie la linea “se l’è cercata”: «Non voglio giustificare Ferrari, ma lo conosco bene e penso che se è uscito così, è perché la misura è colma, troppe offese ci siamo presi noi, pure mafiosi ci hanno detto».

Insomma, a Bussolengo, evidentemente, alle donne della maggioranza le battute sessiste sembrano una faccenda tollerabile e, soprattutto, “conseguenza accettabile” di una provocazione.
Fortuna che era in corso una rivoluzione femminile, in questo paese.

Leggi anche