Home Recensioni

Theresa Wayman, ipnotica e sensuale anche senza Warpaint

'Lovelaws' è un disco lontano dal rock ma ricco di suoni affascinanti, un'opera matura sulle difficoltà della vita on the road

Sorry, fan di Tanita Tikaram: Lovelaws non è un nuovo album della tenebrosa cantautrice britannica. Sotto il moniker di TT c’è un’altra affascinante signora, cioè Theresa Wayman, la chitarrista/cantante delle Warpaint. Che, dopo quattro album di successo e molti anni di carriera, ha capito che è arrivato il momento di fare (anche) da sola.

Un disco romantico, pochissimo “rock” – pezzi lenti e si potrebbe dire erotici, costruiti soprattutto su beats, bassi e synth – e maturo, che affronta i temi dell’essere un genitore single, delle difficoltà del conciliare tour e affetti, ecc. Ma Lovelaws conserva ancora l’atmosfera ipnotica e sensuale delle Warpaint, che sono presenti come ospiti in un paio di tracce. Non lasciatevi distrarre dalla produzione raffinata: sotto la patina a luci soffuse di questo disco c’è tanta sostanza.

Leggi anche