Home Recensioni

Salvate il soldato Rambo dai razzisti dell’alt-right

L'eterno veterano di Sylvester Stallone ritorna in 'Last Blood', una storia di vendetta che non potrebbe essere più tossica e trumpiana

L’ultima volta che abbiamo visto John Rambo – veterano del Vietnam, paria sociale, salvatore di prigionieri di guerra e macchina per uccidere – stava difendendo missionari e mercenari nella Birmania dilaniata dalla guerra alla fine del secondo mandato di Bush II. Poi il nostro uomo era tornato a casa in Arizona, percorrendo il sentiero polveroso fino alla porta d’ingresso del ranch della famiglia Rambo e, forse, verso un senso di pace. Rambo: Last Blood, quello che – forse, presumibilmente, magari – potrebbe essere il capitolo finale del franchise (anche se non muore davvero nulla a parte decine di cattivi senza nome e senza volto), ritrova il nostro guerriero a riposo e in piena modalità Marlboro Man. Ora passa le sue giornate a domare cavalli selvaggi. Nel suo tempo libero John aggiusta una serie di tunnel sotterranei interconnessi che attraversano la proprietà e forgia coltelli da regalare. Una governante si prende cura di lui e della nipote che si sta specializzando al college, Gabriella (Yvette Monreal). La vita è bella.

Fino a quando, ovviamente, succede qualcosa perché, ragazzi, stiamo parlando di Rambo. Il suo eterno pessimismo sulla natura umana è giustificato. Conosce l’oscurità che abita nel cuore di un uomo. (E lo sappiamo perché questa frase viene pronunciata almeno tre volte in 90 minuti). Gabriella riceve una telefonata che la informa che il padre scansafatiche scomparso è stato finalmente localizzato. “Devo andare in Messico”, dice allo zio. “E perché vorresti andare in Messico?!” esclama lui, primo segnale che questo film potrebbe non avere la più alta opinione di tutto quello che sta a sud degli States. Possibilità che diventa certezza, una volta che la ragazza supera il confine americano e si ritrova in un paese popolato da nient’altro che teppisti tatuati, gangster doppiogiochisti, narcos pazzi e trafficanti bianchi con i baffi arricciati. Alla fine incontreremo un dottore gentile e una nobile giornalista investigativa interpretata da Paz Vega, ma Last Blood è un film che tende a vedere tutti coloro che vivono sotto il Texas come spacciatori di droga, criminali, stupratori… e a presumere che qualcuno di questi sia una brava persona. Un’ideologia che vi sembra familiare?

Ben presto Gabriella si ritrova nelle grinfie dei temuti fratelli (o caricature di cattivi?) Victor (Óscar Jaenada) e Hugo Martinez (Sergio Peris-Mencheta). Rambo va alla ricerca della ragazza scomparsa. Secondo la consueta via crucis a tappe del franchise sarà torturato, picchiato e lasciato morto. Quindi, dopo diversi giorni, si rialzerà e metterà in atto la sua vendetta. Le teste rotoleranno, il che potrebbe non essere solo una figura retorica in questo caso. Una volta che la ragazza è stata recuperata per gentile concessione di un violento attacco con un martello – a quanto pare Rambo ha beccato You Were Never Really Here sulla via cavo e si è lasciato ispirare – l’ex soldato malconcio invia un messaggio ai rapitori della nipote. Quindi torna a casa e inizia a fortificare il ranch; segue montaggio di preparazione di trappole esplosive. “Sto per strapparti il cuore, proprio come hai strappato il mio”, promette Rambo al villain principale. Ancora una volta, le minacce non sono necessariamente metaforiche.

Da quando la serie ha iniziato ad aggiungere il nome del suo eroe al titolo con il suo secondo capitolo del 1985, uscito direttamente da Reagantown, questi film hanno avuto più o meno lo stesso modello: l’iconico personaggio di Stallone vuole solo essere lasciato solo. Viene trascinato in un conflitto, viene abbattuto, tutto diventa un delirio – Rambo, risciacqua, ripeti. Il pubblico conosce il ritornello e se alcuni fan fossero convinti che il Rambo del 2009 non abbia mostrato abbastanza carneficina di esseri umani, tranquilli, ci ha pensato il regista Adrian Grunberg (Get the Gringo, che potrebbe essere un titolo alternativo per anche questo film). Dopo quasi un’ora di perpetuazione di uno stile cinematografico che viene descritto come funzionalmente brutale, il regista e i suoi collaboratori offrono un assedio esteso e rapidamente modificato, completo di quel tipo di violenza gore livello Grand Guignol che farebbe vergognare la maggior parte dei film più splatter. E quei tunnel che abbiamo menzionato prima? Sono lì per un motivo. Lo stesso vale per le assi appuntite, le armi da fuoco posizionate casualmente, le mine antiuomo sparse, le trincee piene di benzina e le frecce dalla punta d’acciaio.

Per quanto riguarda il solito dare in escandescenze scioviniste, viene risparmiato per una voce fuori campo topica. Ma il takeaway di base di Last Blood – che gli eroi indossano cappelli bianchi e i cattivi hanno la pelle scura – viene strombazzato per tutta la faccenda, dall’inizio al finale esplosivo. Questo è apparentemente quello che significa fare un film di Rambo nel 2019. L’azione uomo vs cartello della droga che vi aspettate viene soffocata in allarmismo irresponsabile. La sensazione di tossicità travolgerà qualsiasi godimento brutale e pulp. Un franchise che è iniziato con un senso di tradimento e la giusta rabbia anti-autoritaria finisce con lo scimmiottare la propaganda dispotica che tradisce quello che sono gli Stati Uniti d’America come Paese. Speriamo che questo sia l’ultimo del suo genere.

Altre notizie su:  sylvester stallone