Home Recensioni

One Direction – Four

Da tre anni pieni a questa parte sono il più grande gruppo pop al mondo. Se i singoli componenti degli One Direction hanno anche ambizioni da cantante solista o da attore, per il momento le hanno tenute ben nascoste: non sono certo dei cretini. Ma non è neanche chiaro se il titolo dell’album sia un […]

Da tre anni pieni a questa parte sono il più grande gruppo pop al mondo. Se i singoli componenti degli One Direction hanno anche ambizioni da cantante solista o da attore, per il momento le hanno tenute ben nascoste: non sono certo dei cretini.Ma non è neanche chiaro se il titolo dell’album sia un esplicito riferimento ai Led Zeppelin, nonostante Four sia pieno di atmosfere retrò. Ci sono pezzoni pop rock anni ’80 e brani dall’elegante profumo anni ’70. Where Do Broken Hearts Go è una bomba in stile Slippery When Wet dei Bon Jovi, mentre Girl Almighty ricorda I Don’t Want to Know dei Fleetwood Mac.La canzone più brillante del disco è però Stockholm Syndrome, un movimentato R&B di cui è coautore Harry Styles: racconta cosa significa essere schiavi della propria fidanzata.

Da tre anni pieni a questa parte sono il più grande gruppo pop al mondo.
Se i singoli componenti degli One Direction hanno anche ambizioni da cantante solista o da attore, per il momento le hanno tenute ben nascoste: non sono certo dei cretini.

Ma non è neanche chiaro se il titolo dell’album sia un esplicito riferimento ai Led Zeppelin, nonostante Four sia pieno di atmosfere retrò. Ci sono pezzoni pop rock anni ’80 e brani dall’elegante profumo anni ’70. Where Do Broken Hearts Go è una bomba in stile Slippery When Wet dei Bon Jovi, mentre Girl Almighty ricorda I Don’t Want to Know dei Fleetwood Mac.

La canzone più brillante del disco è però Stockholm Syndrome, un movimentato R&B di cui è coautore Harry Styles: racconta cosa significa essere schiavi della propria fidanzata.

Leggi anche