Home Recensioni

MotoGP 20: un deciso rombo di motori

Rombo di motori, conto alla rovescia e si parte: il simulatore di Milestone sfreccia in una versione rinnovata e dalle grandi potenzialità. Si dimostrerà all'altezza delle aspettative?

Come sarà il nuovo capitolo della serie di Milestone?

Il fatto che MotoGP 20, nuovo episodio della saga di simulatori di MotoGP di Milestone, esca in piena pandemia, quindi a gare ferme, è in realtà una ghiotta opportunità per il team di sviluppo milanese. Perché si gioca di più alla console, e perché, stante la mancanza di vere gare da seguire, si ha ancora più voglia di emulare i propri eroi su due ruote. L’hype, quindi, è dalla parte della versione simulata del circus motociclistico.

I modelli delle moto sono ricchi di dettagli. Ovviamente ci sono tutte le licenze ufficiali di quest’anno.

Di base non è che ci sia molto da spiegare a livello di “ambientazione”. Si tratta di un simulatore di moto e dunque il suo fine ultimo è trasporre al meglio le emozioni di una vera pista su un display, con l’aggravante che il giocatore impugnerà un gamepad anziché mettere mano a un vero manubrio. MotoGP 20 riesce in questa sfida?

Opzioni di qualità

Diciamo che dal punto di vista delle opzioni si parte subito bene. Ci sono quattro modalità che, nell’insieme, consentono di intraprendere sfide veloci, passare al multiplayer, accedere a sfide quotidiane e, soprattutto, districarsi in una modalità carriera rivisitata, anzi ribaltata, con cui è possibile scalare l’Olimpo delle due ruote partendo dalla MotoGP 3 e arrivando all’agognata MotoGP. Gestendo non solo la guida, ma anche tutto il contorno che rende vincente, e ricco sfondato, un pilota professionista.

Quando arriva il momento di correre sul serio, MotoGP 20 mostra un carattere ancora più simulativo rispetto al passato. Per lo meno scegliendo le giuste impostazioni, che sono in grado di spingere il realismo del modello di guida ancora più in là. Resta, comunque, la possibilità di personalizzare le opzioni fino a ottenere un gioco quasi arcade e accessibile anche ai meno esperti. Saranno comunque i veri appassionati ad apprezzare tutto quel che di nuovo ha in serbo MotoGP 20 per loro.

Una grafica coi fiocchi

Chiunque, invece, può ammirare il gran lavoro che è stato fatto sul versante grafico. Milestone, negli ultimi anni, ha iniziato un difficile percorso tecnologico che l’ha portata a cambiare il motore grafico dei suoi titoli, poi a prenderne sempre più dimestichezza, e infine a lavorare anche ai più minimi dettagli. Il risultato di questo processo, un po’ modesto negli anni precedenti, si mostra in tutta la sua potenzialità proprio quest’anno. Le moto godono di modelli ricchi di poligoni, gli effetti speciali si mostrano maturi e variegati (specie quando piove), e rispetto al passato è stato fatto un buon lavoro anche a livello di piste, sebbene il manto della pista appaia un po’ troppo omogeneo.

Il modello simulativo accontenta soprattutto chi cerca il realismo.

Due sono le uniche critiche che ci sentiamo di muovere a MotoGP 20 e a Milestone. L’audio, davvero poco vario e a nostro avviso molto piatto, e un’intelligenza artificiale che, al cospetto di proclami che tirano in ballo il machine learning, non offre mai quella sfida che siamo soliti vedere durante le vere gare. Non parliamo di spettacolarità, perché gli avversari simulati dal gioco sono molto aggressivi, ma di quella sensazione di incertezza costante quando hai un avversario alle terga e non riesci a scrollartelo di dosso prima del rettilineo finale. Tutto sommato piccolezze, rispetto a quanto di buono fatto per Milestone per quello che si rivela essere, senza dubbio, il capitolo migliore della serie. 

Giocate MotoGP 20 se…

Per voi un motore può muovere solo due ruote alla volta

Volete una simulazione vera

Vi piace anche l’aspetto manageriale del motociclismo

Evitate MotoGP 20 se…

Volete una grafica ultradefinita e iperrealistica 

Siete a caccia di un gioco molto arcade

Puntate solo alla modalità a singolo giocatore

Info Box

Produttore: Milestone

Distributore: Koch Media

Lo puoi giocare su: PS4, XboxOne, Nintendo Switch, PC

 

Leggi anche