Home Recensioni

Le canzoni di Matt Berninger sono un rifugio dal dolore

Nel debutto solista ‘Serpentine Prison’, il frontman dei National non si allontana troppo dal suono della band, ma affina il suo linguaggio e costruisce canzoni che offrono conforto in tempi difficili

Matt Berninger

Foto: Jeff Salem

“Ho quasi toccato il fondo / Scegli una malinconia, ce l’ho”, canta il frontman dei National Matt Berninger nel debutto solista. Oh, Dearie parla di chi si sente soffocato da paura e dubbi, un messaggio più che mai appropriato oggi. Non è il caso di deprimersi. La musica è più rassicurante e accogliente che disperata, col baritono del cantante abbinato a un pianoforte che suona una figura alla Dust in the Wind. È un suono perfetto per quest’uomo che canta in una band che abbina spesso ansia e depressione con una forma raffinata di indie rock. Quando nel testo arriva la svolta, “Non vedo nessuna luce / Ma questo posto inizia a piacermi”, sei pronto a rannicchiarti accanto al cantante e alla sua calda e accogliente vergogna.

Dopo aver scritto gli ultimi due decenni una delle storie di successo più longeve del rock alternativo del XXI secolo, i National si sono presi un anno di pausa (il prodotto più significativo di questo periodo è Folklore di Taylor Swift, prodotto in larga parte da Aaron Dessner). A giudicare da questo disco, Berninger non voleva fare musica fuori dalla comfort zone del gruppo. Matt non è solo un membro dei National, è anche un fan del gruppo e usa il disco solista per rafforzare il suo amore per il suono della band, a cui aggiunge alcune sottili innovazioni. Serpentine Prison è stato registrato con Booker T. Jones, un maestro del soul di Memphis che ha prodotto dischi di Bill Withers, Neil Young e LeeAnn Rimes. Fedele allo spirito collaborativo dei National (il loro ultimo album, I Am Easy to Find, aveva dozzine di ospiti), Berninger ha fatto il disco con l’aiuto di amici e colleghi come Matt Barrick e Walter Martin dei Walkmen, il bassista dei National Scott Devendorf e Andrew Bird. Il risultato è una collezione di ballate disperate che iniziano scarne e fioriscono lentamente.

La sofferta dichiarazione romantica di One More Second inizia come una cosa alla Nick Drake e si evolve in uno shuffle teso e serrato, arricchito dall’organo Hammond di Jones. In Silver Springs, Berninger duetta splendidamente con Gail Ann Dorsey, una veterana delle ultime band di David Bowie. Distant Axis ha una solennità che ricorda il Bruce Springsteen più sobrio ed è costruita su una splendida base orchestrale sopra a un semplice letto acustico. Il momento più potente è Take Me Out of Town, una ballata al pianoforte che ha la bellezza dei momenti più intensi dei National.

Tuttavia, Berninger non cerca di replicare i momenti più rock del gruppo (canzoni come Graceless da Trouble Will Find Me o Day I Die da Sleep Well Beast). Il disco è pieno di canzoni che evolvono lentamente, con arrangiamenti elaborati perfetti come sfondo al crooning cupo e intorpidito del cantante. Un album di canzoni depresse come questo corre il rischio di essere noioso e indulgente, ed effettivamente ci sono alcuni passaggi sonnolenti, ma Berninger se l’è sempre cavata trattando l’autocommiserazione con ironia, prendendosi in giro. “Sono nelle sabbie mobili col sorriso stampato in faccia”, come canta in All For Nothing, un momento particolarmente toccante.

Berninger ricorda Morrissey nella capacità di trasformare immagini goffe in momenti memorabili: “I miei occhi sono come t-shirt / Sono facili da comprendere / Li indosso per te, ma parlano solo di me”. È un verso meno elegante della musica che lo accompagna, ma la sua goffaggine funziona, riflette la vulnerabilità e un senso di intimità reale. È il prodotto di un artista che ha sostanzialmente inventato un linguaggio unico ed emozionante.

Questo articolo è stato tradotto da Rolling Stone US.

Altre notizie su:  matt berninger the National