Home Recensioni

Greta Van Fleet, classic rock per millenial

Ascoltando questo album la chioma cresce fluente, i pantaloni si fanno scampanati, l’effetto macchina del tempo è assicurato, catapultati in Almost Famous. I Greta Van Fleet ricordano tanto i Led Zeppelin, eppure Robert Plant non li ha maltrattati come fece invece in passato con un altro suo discusso erede: David Coverdale, ribattezzato ai tempi David […]

Ascoltando questo album la chioma cresce fluente, i pantaloni si fanno scampanati, l’effetto macchina del tempo è assicurato, catapultati in Almost Famous. I Greta Van Fleet ricordano tanto i Led Zeppelin, eppure Robert Plant non li ha maltrattati come fece invece in passato con un altro suo discusso erede: David Coverdale, ribattezzato ai tempi David Cover-Version.

Giovane band a conduzione familiare (tre componenti su quattro sono fratelli, età media vent’anni),
gli americani Greta Van Fleet non cambieranno il corso della Storia, ma sfornano una serie
di pezzi genuini che faranno la felicità degli amanti del cosiddetto classic rock: tripudio di riff hard-blues e acuti spacca- vetri, fan di Black Crowes e Soundgarden, questo è pane per i vostri denti. Pace, amore e saranno Quasi famosi.

Leggi anche