'Gold' delude, il trasformista McConaughey no | Rolling Stone Italia
Home Recensioni

‘Gold’ delude, il trasformista McConaughey no

Il nuovo film di Stephen Gaghan parte forte ma cade nella seconda parte. Per fortuna la performance di Matthew McConaughey è stellare

McConaughey si butta nel ruolo del cercatore d’oro come un uomo che muore di fame davanti a un banchetto. Come film, Gold è un magro bottino, ma McConaughey è capace di tenere inchiodato lo spettatore.

Basato su uno scandalo minerario del 1990, il film cambia nomi, date e incasina i fatti senza troppi complimenti. Perché? Il regista Stephen Gaghan (Syriana) ha cercato di accoppiare Il tesoro della Sierra Madre con Il lupo di Wall Street, per dar luce a un mostro da box office fatto di avidità ed edonismo.

McConaughey interpreta Kenny, un visionario sudato, pelato e con la panza: guardare un grande attore prendersi dei rischi è sempre esaltante. Il tizio in questione ha ereditato dal papà una compagnia mineraria. Ma non sa esattamente cosa farci, finché non incontra un geologo (uno stellare Edgar Ramirez).

I due trovano in Indonesia la proverbiale miniera d’oro, che però attira presto troppe attenzioni, tra cui governo e FBI. Quando Gold entra nella fase negativa – la miniera d’oro si rivela essere una sòla – si esaurisce anche la vena di questo film discontinuo.

Ma grazie alla dinamite di McConaughey, ci resta qualche insegnamento di valore sulla natura umana e sull’eredità spezzata del sogno americano.

Altre notizie su:  Stephen Gaghan