Home Recensioni

Curtis Harding – Soul Power

Se volete farvi un’idea dell’album di esordio di Curtis Harding partite dalla copertina. Un disco non si giudica dalla copertina, ma a volte sì. Soul Power, il suo album di esordio, ha la sua essenza nel titolo e nella foto in bianco e nero di Harding, a torso nudo, di tre quarti, che fuma. Già […]

Se volete farvi un’idea dell’album di esordio di Curtis Harding partite dalla copertina. Un disco non si giudica dalla copertina, ma a volte sì. Soul Power, il suo album di esordio, ha la sua essenza nel titolo e nella foto in bianco e nero di Harding, a torso nudo, di tre quarti, che fuma.Già uscito negli USA, Soul Power miscela un po’ di garage e scazzo alla Black Lips con un R&B alla Curtis Mayfield e spennellate country; il tutto condito da una voce roca al punto giusto (non si fuma a caso sulla cover).Il risultato è un disco che pare perfetto come soundtrack di un film di Blaxploitation anni ’70, rivisitato da coolness tarantiniana.

Se volete farvi un’idea dell’album di esordio di Curtis Harding partite dalla copertina. Un disco non si giudica dalla copertina, ma a volte sì. Soul Power, il suo album di esordio, ha la sua essenza nel titolo e nella foto in bianco e nero di Harding, a torso nudo, di tre quarti, che fuma.

Già uscito negli USA, Soul Power miscela un po’ di garage e scazzo alla Black Lips con un R&B alla Curtis Mayfield e spennellate country; il tutto condito da una voce roca al punto giusto (non si fuma a caso sulla cover).

Il risultato è un disco che pare perfetto come soundtrack di un film di Blaxploitation anni ’70, rivisitato da coolness tarantiniana.

Leggi anche