Home Recensioni

Con Bruno Belissimo l’italo-disco diventa antigravitazionale

‘Stargate’, il nuovo mixtape del producer italocanadese, è la colonna sonora perfetta per le nostre vacanze (trash) del futuro

Se i piani di Elon Musk dovessero andare a buon fine, entro il 2030 sarà possibile andare in vacanza su Marte. Secondo le stime del magnate di Tesla e Space X, il viaggio d’andata (il ritorno lo offre la casa) potrebbe costare attorno ai 500mila dollari. Roba da ricchi, quasi una Cortina dello spazio profondo. Beh, se tutto questo dovesse diventare realtà, i miliardari in cerca di divertimento interstellare farebbero bene a infilare in valigia l’ultimo mixtape di Bruno Belissimo, di ritorno con un album perfetto per Vacanze di Natale 2083.

A poco meno di un anno di distanza da Ghetto Falsetto, il producer torna con Stargate, un mixtape retro-futurista che mescola house music (Bermuda Triangle, Latin Lover), deep soul (Saint Tropez, il pezzo migliore del lotto con il geniale refrain “San Marino, San Francisco, Saint Tropez… che voooce!”), electro (Latin Lover) e italo disco. Un frullato surreale e un po’ ridicolo, inframezzato da una serie di sketch ironici fatti di messaggi vocali, segreterie telefoniche, frammenti di film e chissà che altro. Bruno Belissimo l’ha definito come «la colonna sonora di un lungo piano sequenza in un B movie restaurato», magari abitato da mostri che si vantano dei loro “tavoli presidenziali accanto al dj”, del “minimum spending 38mila euro” e di comode “empty pocket pochette”.

L’ex Low Frequency Club ha affinato il suo suono e perfezionato quell’immaginario sospeso tra vaporwave e trash italiano che l’ha portato sui palchi di festival prestigiosi come Eurosonic, SXSW e The Great Escape. Adesso, armato con il nuovo Stargate, porterà in tour uno spettacolo tutto nuovo, “Live With Drums” messo in piedi insieme al fratello e batterista Bonito Belissimo. I due si sono già autodefiniti “i gemelli del destino”, e chissà che in futuro non saranno loro a sperimentare il ballo antigravitazionale sul pianeta rosso.

Leggi anche