Home Recensioni

Bluebeaters – Everybody Knows

Giù le mani dai Bluebeaters! C’è un nuovismo renziano, fichetto e liberal, di moda pure nel parlare di musica, che ghettizza i ritmi in levare del rocksteady nostrano come “roba da Festa dell’Unità”, passatismo da bandire dalla library dell’iPhone. I Bluebeaters, con Pat Cosmo alla voce al posto di Giuliano Palma, con il nuovo Everybody […]

Giù le mani dai Bluebeaters! C’è un nuovismo renziano, fichetto e liberal, di moda pure nel parlare di musica, che ghettizza i ritmi in levare del rocksteady nostrano come “roba da Festa dell’Unità”, passatismo da bandire dalla library dell’iPhone.I Bluebeaters, con Pat Cosmo alla voce al posto di Giuliano Palma, con il nuovo Everybody Knows suonano – quasi una provocazione – più roots e classici che mai. Già, perché Ferdi e il resto della ballotta sono artigiani e music lovers, lupi di mare dei party con le ragazze più carine ma non solo: sono un mondo che è la somma delle loro esperienze e che, come le loro cover (da Springsteen agli Oasis passando per Kraftwerk, Britney e Tenco), è complesso e non omologato.Que viva Bluebeaters! allora, ballando per l’ennesima estate tra birrette e cannette, alle Feste dell’Unità, con nelle tasche dei jeans l’iPhone 7.

Giù le mani dai Bluebeaters! C’è un nuovismo renziano, fichetto e liberal, di moda pure nel parlare di musica, che ghettizza i ritmi in levare del rocksteady nostrano come “roba da Festa dell’Unità”, passatismo da bandire dalla library dell’iPhone.

I Bluebeaters, con Pat Cosmo alla voce al posto di Giuliano Palma, con il nuovo Everybody Knows suonano – quasi una provocazione – più roots e classici che mai. Già, perché Ferdi e il resto della ballotta sono artigiani e music lovers, lupi di mare dei party con le ragazze più carine ma non solo: sono un mondo che è la somma delle loro esperienze e che, come le loro cover (da Springsteen agli Oasis passando per Kraftwerk, Britney e Tenco), è complesso e non omologato.

Que viva Bluebeaters! allora, ballando per l’ennesima estate tra birrette e cannette, alle Feste dell’Unità, con nelle tasche dei jeans l’iPhone 7.

Leggi anche