Tra moglie e marito non mettere il dito: gli scazzi più memorabili dei famosi | Rolling Stone Italia
Home Opinioni

Tra moglie e marito non mettere il dito: gli scazzi più memorabili dei famosi

Oltre ai coniugi Pinkett-Smith e ai recenti dissapori pubblici tra Megan Fox e Machine Gun Kelly, la lista di chi ha avuto problemi in paradiso è lunga: tra scappatelle, occhiate (e parole) di troppo, commenti infuocati sui social, una carrellata di ‘feud’ memorabili. Spoiler: qualcuno è ancora irrisolto

Machine Gun Kelly e Megan Fox ai Front Row Fashion Awards 2022

Foto: Axelle/Bauer-Griffin/FilmMagic via Getty Images

Slap! Non ci posso fare niente. Da quando Will Smith è sbroccato agli Oscar per difendere l’onore ferito della moglie Jada Pinkett, ho come l’impressione che ogni scazzo presente e passato delle coppie di celebrities sia in qualche modo accompagnato da quel suono: slap! (o paf! che dir si voglia, ma comunque quello di un sonoro ceffone). D’altronde la lista di famosi che ha avuto qualche problema in paradiso è talmente costellata di scazzi pubblici e schiaffi all’orgoglio che quello successo a Chris Rock, in confronto, è un gentile scambio di opinioni con tanto di carezza del Papa. E questo proprio a partire dai coniugi Pinkett-Smith. Ma andiamo con ordine, ché qua bisogna capire una volta per tutte che tra moglie e marito è decisamente meglio non mettere il dito.

Liz Taylor e Richard Burton

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da ⋆𝓐𝓷𝓷𝓪⋆ (@vintage.springs)

Ah, la Hollywood dei tempi d’oro. Quando Liz Taylor e Richard Burton, gli scazzati per eccellenza, si insultavano a vicenda e si facevano dispetti a colpi di locandine: c’è forse qualcosa di più romanticamente hollywoodiano di questo? Ce ne sarebbero parecchi di episodi, ma è ormai risaputo che le massime vette della litigiosità i due le hanno raggiunte sul set della Bisbetica domata, nel 1966. Leggenda narra che tutto ebbe inizio quando Richard entrò nel camerino di Liz e notò che la moglie aveva appiccicato una locandina fasulla del film, dove il nome di lei era scritto più grande di quello di lui. Lui, allora, ne fece stampare un’altra, dove il nome di lei non c’era manco per sbaglio, e lei un’altra ancora, e via così, in una battaglia a colpi di tipografie e vanità. La cosa andò avanti per tutta la durata del set: giorni e giorni di punzecchiamenti e insulti. Ma no, non più locandine.

Anjelica Huston e Jack Nicholson

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Camp Diversamente Sobrio (@diversamentesobrio)

Quanto possono essere lunghi diciassette anni insieme? Direi poco, se li si considera nell’arco di una vita intera e se le cose sono andate (tutto sommato) bene; giurerei troppo, decisamente troppo, se invece si è perso il conto dei tradimenti. Ne sa qualcosa Anjelica Huston, che con le scappatelle di Jack Nicholson ci ha riempito pagine e pagine della sua autobiografia (Watch Me: A Memoir, del 2014), zeppa di situazioni e siparietti che posso solo definire horror. Vi immaginate il vostro uomo che flirta con la cameriera mentre è a cena con voi? E che dire se beccate l’intimo di un’altra in casa vostra? Eppure, il primato per la situazione più terrificante e per lo scazzo più memorabile (e violento) risale al 1989, quando Jack la fa così grossa da mettere incinta l’amante, Rebecca Broussard. È a quel punto che, a suon di schiaffi e calci, Anjelica esplode, e con lei la loro relazione. Altro che slap: qua le onomatopee sono degne del resoconto di un qualunque film Marvel. O forse, per rimanere in tema, di quello di Shining.

Victoria e David Beckham

Ora che ho aperto il capitolo tradimenti, non posso non citare la coppia più glamour e cornuta di tutto il Regno Unito. Sto parlando di David e Victoria Beckham, obviously. Che David sia stato un marito poco fedele non è certo una supposizione, dato che l’ha confessato lui stesso in più di un’occasione. Per quanto riguarda Victoria… be’, a dirla tutta, non ci giurerei. Quello che so per certo è che lei l’ha perdonato, tanto che adesso i coniugi Beckham sono ancora pappa e ciccia come vent’anni fa. Però, se è tanto vero che tra moglie e marito non bisogna mettere il dito, altrettanto saggio è tener conto del fatto che il lupo perde il pelo, ma non il vizio. E scommetto che a Victoria Beckham devono essere ronzate in testa queste parole quando alla partita dei Los Angeles Lakers ha visto che a David cadeva un po’ troppo spesso l’occhio sul didietro di una biondissima cheerleader. Era il 2008, e lo so: è acqua passata. Ma sono più che sicura che ricordate la sequenza di foto, diventata diapositiva dei momenti-tipo della coppia qualunque. Della serie: come far diventare uno scazzo non solo memorabile, ma anche iconico.

Beyoncé e Jay-Z

E che sarà mai una natica ben tondeggiante, quando il problema è la tizia che attacca bottone col tuo tipo? Lì sì che il gioco si fa duro, soprattutto se il tuo tipo è nientemeno che Jay-Z, e tu sei nientemeno che Beyoncé. E nientemeno, aggiungerei, se il tuo tipo – oltre a essere Jay-Z – è pure colui che ti ha tradita con Becky Bellicapelli (aka la «Becky with the good hair» citata in Lemonade). Ecco che allora la finale NBA del 2009 diventa il momento perfetto per scriverti in faccia che ti scazza, eccome se ti scazza, che Nicole Curran (la moglie del proprietario dei Warriors, nda) non ti caghi di striscio, mentre dal suo posticino ti passa quasi sopra per parlare al tuo amato marito (quella volta) infedele.

Michelle e Barak Obama

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Shane Talon 🇹🇹 (@shanetalon)

Pare che dagli spalti di un campo da basket a Los Angeles a quelli di una tribuna a Soweto il passo sia breve. Pare, dato che la situazione che si sono trovati a gestire i coniugi Obama durante il memoriale a Nelson Mandela del 2013 sembra proprio la (ancora più) irritante evoluzione di quella dei coniugi Carter-Knowles alla finale NBA del 2009. Con la differenza che adesso tu sei Michelle Obama, e il tuo tipo quel presidente degli Stati Uniti «abbronzato» che, due posti più in là, ride e scherza con la premier danese Helle Thorning-Schmidt. E ora guarda, ci si fa anche una foto, proprio come un adolescente. Aspetta un attimo, hai detto «abbronzato»? Chi l’aveva detto? Dove l’hai sentito? Ma certo, come dimenticare. Che dolce ricordo, e che improvviso sospetto! Che quella di tuo marito non sia forse una sorta di vendetta per quella volta là in cui Silvio Berlusconi ti fece tanto di complimenti? Forse, chissà…

Selena Gomez e Justin Bieber

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Justin Bieber (@justinbieber)

I precursori degli scazzi sui social non possono che essere loro, Selena Gomez e Justin Bieber: i bambini prodigio dell’industria musicale, ma anche una delle coppie con più on-off dell’intero pianeta mondo. Ma si sa, a quel tempo i Jelena erano adolescenti. Come si sa che, da buoni adolescenti, sono più volte incappati nei tipici errori che abbiamo fatto tutti noi, soprattutto da ragazzini, tanto più nell’era di Instagram. Il like “scappato” (e subito rimosso); il follow-unfollow al minimo scazzo; il commentuccio rosicone (by Selena) sotto la foto dell’ex (Justin) con la nuova fiamma dell’epoca (Sofia Richie). Mi riferisco a quanto successo sul profilo Instagram di Justin Bieber nell’agosto 2016. E quello sì, che è stato il punto più basso, e lo scazzo più memorabile. Ma ahi, ahi, Selena e Justin. Come vi capivo, allora.

Melania e Donald Trump

Ho cercato di pensare a un evento particolare, a uno scazzo tra gli scazzi nelle uscite pubbliche di Melania e Donald Trump, ma proprio non ci sono riuscita. La verità è che in questo specifico caso siamo a dei livelli talmente fuori misura che ascriverli a un unico evento è pressoché impossibile. Quello che si può fare, invece, è osservare con il rigore proprio della scienza come agisca il corpo umano quando viene colpito da scazzo allo stadio avanzato. Ossia: parte del corpo inizia a personificare essa stessa lo scazzo, agendo quasi senza che l’attore se ne renda conto. Giusto a titolo esemplificativo, ecco che mi si riaffaccia alla memoria quell’agosto 2020, e quelle foto mentre i coniugi Trump scendevano dall’Air Force One. Vedete la mano di Melania? Vedete come, ogni singola volta, sfugga a qualsivoglia contatto con quella del marito? Non è forse questa, la prova delle prove?

Kim Kardashian e Kanye West

Kim Kardashian e Kanye West non sono più ragazzini, ma il loro interfacciarsi tramite i social è peggio di quella che fu l’esperienza dei Jelena. Da loro si possono attingere miriadi di scazzi: da lui che accusa di non essere stato invitato alla festa di compleanno della figlia a lei che si dice «sconvolta dalle sue buffonate». Ora che sono in fase di divorzio, l’ultimo mirabolante episodio che ci giunge da Kanye (o meglio, da Ye) con un post del febbraio scorso su Instagram ormai cancellato, è che Kim l’ha accusato di aver rubato – durante una visita alle figlie – la serie di Akira (il manga giapponese di Katsuhiro Ōtomo a cui Kanye è particolarmente legato). A questo punto, dove si respira un livello di scazzo al limite del patologico, l’unica cosa che riesco a dire è solo: «Ah».

Megan Fox e Machine Gun Kelly

Se Melania Trump appare il 100% delle volte decisamente rosa, è con Megan Fox sul tappeto rosso del Daily Front Row’s Fashion Award di pochi giorni fa a Los Angeles che l’aereo dello scazzo torna a toccare vette raggiungibili ai più. Schivando il bacio, o forse schifando, nel complesso, il fidanzato Machine Gun Kelly, la piccioncina Megan ha fatto intendere che ci sono problemi in paradiso. Fosse anche solo per l’outfit di lui, e in quel caso devo dire che la capirei.

Jada Pinkett e Will Smith

Gira che ti rigira, si torna al punto di partenza, per dimostrare una volta per tutte che ci sono scazzi ben peggiori – e schiaffi ben più violenti – di quello che è toccato a Chris Rock. Tipo quelli, tanti, di Jada Pinkett a Will Smith. Slap! Se la fa con l’amico di loro figlio. Slap! Lo dice in trasmissione (aiuto). Slap! Will che non vuole essere ripreso in una diretta Instagram, ma Jada lo fa lo stesso. E ancora Slap!, e Slap!, e Slap!, e Slap! Fino a che è lui a fare Slap! Ma non a lei. A Jada no. A Jada mai.