‘Proud to be Pride’, la mostra di Xerjoff Group per sostenere la comunità LGBTQ+ | Rolling Stone Italia
Home Pop & Life

‘Proud to be Pride’, la mostra di Xerjoff Group per sostenere la comunità LGBTQ+

La mostra fotografica racconterà il Pride. Al via dal 30 giugno nello store milanese di Xerjoff Group, leader nel settore della profumeria artistica di lusso

In occasione del Pride Month, il mese dedicato all’orgoglio LGBTQ+, Xerjoff Group, azienda leader nel settore della profumeria artistica di lusso, ha realizzato un progetto curato da ELLE.it per sostenere la comunità arcobaleno, Proud to Be Pride.

Proud to Be Pride è una mostra fotografica dedicata agli scatti fatti da Davide Mandolini durante il Pride di Torino dello scorso 18 giugno. La mostra avrà luogo – dal 30 giugno – all’interno dello store milanese di Xerjoff, in Via Manzoni 24, e vuole celebrare con orgoglio la diversità e l’inclusione. Madrina della mostra sarà l’attrice siciliana Maria Grazia Cucinotta.

Il gruppo – la cui produzione avviene completamente in Italia – sostiene inoltre diverse realtà di charity con il progetto Spray to Help, la cui missione è quella di promuovere miglioramenti significativi nel modo in cui il mondo si rivolge al territorio e alla collettività, contribuendo al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo solidale. Sul tema, Sergio Momo, CEO e direttore creativo di Xerjoff Group, ha ribadito: «Scegliere di adottare un progetto specifico e contribuire alla sua realizzazione insieme a tutta l’azienda è uno dei modi più efficaci per lasciare un segno tangibile, investendo sul futuro e sul bene comune». «Puntiamo, inoltre, molto sulla ricerca e sulla qualità delle materie naturali che utilizziamo» ha aggiunto Momo, «abbiamo dato il via ad un percorso di sostenibilità forte, effettivo e credibile della nostra azienda per salvaguardare l’ambiente in cui viviamo».

Lo Xerjoff Group ha inoltre da poco inaugurato il suo flagship store a Montecarlo che si affianca alle boutique di Lisbona, Londra, Milano e Torino, a dimostrazione di come locale e globale si relazionino con armonia nel pensiero dell’azienda, un’occasione per scoprire da vicino la mia sinestetica dei suoi profumi.