Perché due sorelle are better than one | Rolling Stone Italia
Home Pop & Life

Perché due sorelle are better than one

A volte sembrano gemelle, altre volte lo sono davvero. Ci sono quelle che fanno lo stesso lavoro e quelle che sono ereditiere. La coppia di influencer e quella di giornaliste. Perché ormai è chiaro: da sole si va più veloce, ma da sorelle si va più lontano

Mary-Kate e Ashley Olsen ai CFDA Fashion Awards nel 2019

Foto: Taylor Hill/FilmMagic

A volte si somigliano così tanto che sembrano gemelle, e altre volte, be’, lo sono sul serio. C’è la coppia che calca insieme le passerelle delle sfilate più importanti e quella che, sul red carpet, ci è andata qualche volta a braccetto. Poi ci sono le ereditiere che hanno fatto da apripista alle tendenze più gettonate dei primi anni Duemila, e le argentine che in Italia sono diventate delle vere e proprie icone sexy, oltre che le più chiacchierate. E come non menzionare le regine dei telegiornali (e delle cucine), e quelle che coi social hanno fatto il botto di follower, sì, ma pure di gaffe? Insomma, nelle famiglie di tutto il mondo ce ne sono tante di coppie di sorelle, ma queste, signore e signori, non sono normali coppie di sorelle. Sono vere e proprie coppie di it girls.

Gigi e Bella Hadid

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Gigi Hadid (@gigihadid)

Quando si pensa a una coppia di sorelle di successo, non si può che pensare prima di tutto a loro: Gigi e Bella Hadid. Entrambe top model, le due sfilano da anni per le maison più prestigiose, consacrandosi a reginette delle passerelle (e delle copertine) più cool di oggi. Ventisette anni Gigi e ventisei Bella, bionda una e mora l’altra, la cosa che più le rende diverse tra loro sembra però essere la sicurezza in sé stesse. O meglio: l’insicurezza. La stessa che ha portato Bella Hadid a soffrire di ansia e depressione, perché «ero la sorella più brutta. Ero la bruna. Non ero figa come Gigi, non ero così estroversa. Questo è davvero quello che la gente diceva di me. E purtroppo quando ti dicono così tante cose, ci credi e basta», ha confessato in un’intervista dello scorso marzo a Vogue US. Ma nonostante questo, Bella e Gigi sono sempre andate d’amore e d’accordo (e si vede!).

Mary-Kate e Ashley Olsen

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Mary-kate & Ashley Olsen (@mystylemkaolsen)

Non ce ne voglia Elizabeth (aka Wanda Maximoff, alias Scarlet Witch), ma qui la coppia d’oro è quella delle sue sorelle maggiori: le gemelle Mary-Kate e Ashley Olsen. Classe 1986, Mary-Kate e Ashley iniziano la loro carriera da attrici a soli sei mesi, per poi diventare le protagoniste di una serie di film e sit-com dove il loro essere “due gemelle” è il vero e proprio tratto distintivo delle produzioni (nonché il titolo, vedi per esempio Due magiche gemelle del 1993 e Due gemelle per un papà del 1998, e chi più ne ha più ne metta, fino a Due gemelle quasi famose del 2003). Nel 2006 l’addio definitivo al cinema, con la svolta a vere e proprie icone di stile (soprattutto Mary-Kate, il cui look viene definito bohemian-bourgeois), le prime collaborazioni e un brand che detta legge (The Row), a cui seguono altri progetti. Intanto, le due continuano a fare una cosa che ormai viene loro molto bene: tenersi lontane dai riflettori.

Beyoncé e Solange Knowles

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Femme It Forward (@femmeitforward)

Va bene, Beyoncé è sempre Beyoncé. Ma anche la sorellina Solange, seppur più piccola di tre anni, in quanto a talenti non scherza affatto: autrice (anche per Queen B), cantante, regista, ballerina (a soli quindici anni, nei tour delle Destiny’s Child), produttrice discografica, stilista e persino attrice. A quanto pare, la vena artistica non manca nella famiglia Knowles. E neppure un certo caratterino, che nel 2014 porta Solange a prendere a pizze in faccia il cognato (sì, proprio quel Jay-Z) durante una misteriosa lite in ascensore, e nel 2016 la stessa Beyoncé a cantarle al marito (sì, ancora proprio quel Jay Z), le cui scappatelle vengono raccontate nell’album Lemonade. Tranquilli: tutto risolto. Ma da quella volta abbiamo tutti capito che è meglio non fare incazzare le sorelle Knowles.

Elle e Dakota Fanning

Pelle diafana, capelli biondissimi, bellezza eterea: chi, se non le sorelle Fanning? Classe 1994, Dakota è stata la prima a iniziare la carriera di attrice, mentre Elle (che è nata quattro anni dopo) all’inizio ha dovuto interpretare la versione (ancora più) giovane della sorellona, vedi il caso della miniserie Taken di Spielberg e del film Mi chiamo Sam di Jessie Nelson. Poi le strade delle sorelle Fanning si sono divise, ma sia chiaro: solo sul set. E solo per qualche tempo, dato che nel 2020 Elle e Dakota sono tornate a recitare insieme, questa volta però nella parte di due sorelle francesi che sfidano l’occupazione nazista in The Nightingale di Mélanie Laurent. Non ci resta che aspettare di vederle di nuovo insieme sul grande schermo, il prossimo 22 dicembre.

Paris e Nicky Hilton

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da L’Officiel Italia (@lofficielitalia)

Che bello essere sorelle, volersi bene, poter contare entrambe su un’eredità da capogiro e, rispettivamente a quarantuno e trentotto anni, poter dire di avere ormai tutte le carte in regola per ammirare la propria, di fortuna. Che bello essere Paris e Nicky Hilton, coloro che oggi sono delle stiliste e imprenditrici, ma che ieri sono state le sorelle più ammirate (e imitate) d’America, le vere it girls degli anni Novanta e Duemila. Anche se, diciamolo: Paris era quella più estroversa e che dettava più legge, in fatto di moda; mentre Nicky, la più introversa. Il segreto del loro successo? «Siamo sempre state una squadra», afferma proprio Nicky in un’intervista a L’Officiel. «Probabilmente anche perché avevamo interessi, obiettivi e gusti diversi. E siamo da sempre grandi supporter l’una dell’altra. Mia mamma diceva che il successo dell’una è il successo dell’altra, è sempre stato così». Non a caso, Nicky è sempre passata anche per essere quella più saggia (ed è tutto dire).

Kendall e Kylie Jenner

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Kendall and Kylie Fan💕 Edits♥️ (@jennersisters_06.07)

Ventisei anni Kendall, venticinque Kylie: le sorelle Jenner non sono solo giovanissime, ma anche ricchissime e influentissime. Due vere miniere d’oro, a testimonianza del fatto che la linea di sangue passa anche per il conto in banca (anche se quello di Kylie pare superare quello di Kendall). Tutto di guadagnato, eh: Kendall oggi è una delle più grandi top model, mentre Kylie è diventata una vera e propria imprenditrice grazie alla sua omonima linea di cosmetici. Un’altra cosa che accomuna le due sorelle? Oltre a quanto sopracitato, anche il fatto di essere rifatte. Anzi, per meglio dire: rifattissime, chi più e chi meno.

Nicole e Sofia Richie

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da NYX Magazine (@nyxmag)

Che saranno mai diciassette anni di differenza, quando si è così tanto pappa e ciccia? Guardatele lì, Nicole e Sofia Richie, le sorelle che fanno tutto a braccetto: dallo shopping ai ritrovi in famiglia, fino alla collaborazione per la linea (uscita a maggio 2021) di House of Harlow 1960, il marchio fashion targato Nicole Richie. D’altronde, quando si mette insieme l’icona (con Paris, of course) della moda dei primi anni Duemila con una delle più seguite fashion influencer di oggi, non si può che avere una coppia di ragazze esplosive. Oltre che l’ennesima dimostrazione che si può nascere da genitori diversi, eppure essere più sorelle che mai. 

Belén e Cecilia Rodríguez

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Maria Belen (@belenrodriguezreal)

Certo, quelle menzionate finora sono coppie di sorelle di tutto rispetto, vere e proprie it girls. Ma che dire di quelle che sono famose in territorio nostrano? Un po’ come Belén e Cecilia Rodríguez, che a dirla tutto non sono solo famose: le conoscono pure i sassi. Classe 1981, Belén è, volente o nolente, la più chiacchierata sin dai tempi di Marco Borriello: vuoi per le sue frequentazioni amorose, vuoi per la sua bellezza, vuoi per i ritocchini, ma quasi mai per il suo lavoro di presentatrice (che fa pure bene, diciamolo). Mentre la trentaduenne Cecilia, be’: a parte che per le scenate al Grande Fratello VIP e per il fisico mozzafiato (rendiamole atto), è conosciuta perlopiù solo per il fatto di essere la sorella di (proprio quella) Belén.

Cristina e Benedetta Parodi

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Benedetta Parodi (@ziabene)

Altro che Paris e Nicky Hilton. Da queste parti le vere imprenditrici di sé stesse hanno un solo (cog)nome: Parodi. Ossia, quella Cristina e quella Benedetta che della capacità di cavalcare l’onda televisiva hanno fatto entrambe un’arte: prima presentando i telegiornali più ambiti dai colleghi di tutta Italia, poi conducendo le trasmissioni di intrattenimento più vario, come Verissimo (Cristina) e Cotto e mangiato (Benedetta). E mentre oggi la cinquantasettenne Cristina si è data alla moda (co)fondando il marchio CRIDA Milano, la cinquantenne Benedetta continua a condividere le sue ricette sul proprio profilo Instagram. Ma, da imprenditrice qual è, mentre fattura conducendo Bake Off Italia.

Chiara e Angela Nasti

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da Chiara Nasti (@nastilove)

Checché se ne dica, Chiara e Angela Nasti non sono solo due sorelle con un enorme seguito sui social: le Nasti sono anche due vere e proprie it girls. Vuoi perché le ragazzine apprezzano le loro linee di costumi (Plume Etheree) e di intimo da notte (Change of Angels); vuoi perché i ragazzini apprezzano i tondi benefici della mastoplastica additiva; vuoi perché il mondo, ormai, gira così. Fatto sta che oggi Chiara e Angela Nasti, rispettivamente a ventiquattro e ventitré anni, sono l’esempio tutto italiano di due sorelle che, sì, ce l’hanno fatta a sfondare. Ma visti gli scivoloni in fatto di cultura (e grammatica), per favore, no: che nessuno si sogni di dar loro una laurea ad honorem.

Giulia e Silvia Provvedi (Le Donatella)

 

 
 
 
 
 
Visualizza questo post su Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

 

Un post condiviso da LE DONATELLA (@ledonatellaofficial)

Poteva mai mancare anche qui da noi una coppia di sorelle gemelle? Certo che no. E infatti, ecco che ci sono Giulia e Silvia Provvedi (in arte le Donatella), a fare ciò che alle Olsen laggiù non piace più fare. Ossia: mettersi in mostra. Nel 2012 salgono appena diciannovenni sul palco di X Factor, poi pubblicano un album (Unpredictable) e un paio di singoli come il toccante Scarpe Diem, con Fred De Palma. Poi la svolta televisiva (e sexy), con la vittoria alla decima edizione dell’Isola dei Famosi, il servizio fotografico (by Fabrizio Corona) senza veli su Playboy e la partecipazione (tra gli altri) alla terza edizione del Grande Fratello VIP. Intanto, le Donatella pubblicano qualche singolo senza pretese, postano sui social le foto in bikini, entrano nel giro del gossip con le loro frequentazioni, annunciano l’uscita del loro primo film da protagoniste. Perché, come direbbe Proietti: ’ndo cojo cojo.

Menzione speciale: Marilù e Cora Fazzini


Infine, una menzione speciale tutta per loro: le gemelle Fazzini. Marilù e Cora, protagoniste indiscusse della terza stagione del Collegio, ma a loro modo pure di tutte le altre stagioni. Le sorelle che si presentano come «l’angelo e il diavolo», quelle che urlano quando le pettinano uguali («Non è che siamo le gemelle Kessler!»), che mandano a quel paese gli insegnanti («Sei solo un cesso, professo’!»,), che litigano tra di loro ma che allo stesso tempo non si abbandonerebbero mai («Io e mia sorella siamo una cosa unica»). Forse un po’ maleducate, sì, ma tra i prodotti da reality meglio riusciti degli ultimi anni. Signorini, smettila di chiamare i collegiali sbagliati al GF VIP: vogliamo le Fazzini nella casa di Cinecittà.