Renault Initiale Paris, la nuova gamma guarda in alto | Rolling Stone Italia
Home Pop & Life News

Renault Initiale Paris, la nuova gamma guarda in alto

Le nuove ‘premium’ della casa francese si presentano a 2mila metri

GAMMA INITIALE PARIS renault

Sulle Dolomiti, da Brunico, parte la funivia che porta dritti sul Plan de Corones, 2275 metri d’altezza. A poca distanza dall’arrivo in quota c’è il Messner Mountain Museum, omaggio all’alpinismo in generale e quello d’altri tempi in particolare, come d’altri tempi sono le imprese dello scalatore alto atesino di Funes che ha raggiunto per la prima volta la vetta di tutti i quattordici ‘ottomila’ ed è stato il primo a scalare l’Everest senza utilizzare bombole d’ossigeno. Proprio lì, tra racconti di imprese epiche e uno scenario mozzafiato, qualche giorno fa Renault ha deciso di presentare la sua nuova gamma Initiale Paris, come a dire che il marchio francese, con l’operazione destinata al mercato cosiddetto ‘premium’, punta decisamente verso l’alto nella sua nuova avventura. 

La griffe, con i suoi richiami all’eleganza parigina alla Edith Piaf o alla Charles Trenet, altra non è che quella con la quale Renault ha deciso di ‘marchiare’ alcuni dei suoi modelli, candidandoli a diventare i top di gamma per eleganza e stile tutti francesi, a cominciare dall’esclusiva colorazione nero ametista, fino a tutta una serie di accessori comuni a tutti i modelli fregiati Initiale Paris, ovvero Scenic, Grand Scenic, Koleos, Talisman ed Espace, oltre alla scommessa che i francesi hanno deciso di fare su Captur, anche questa adeguata al medesimo allestimento di ‘lusso’ delle sorelle maggiori. “Con questi modelli – ha raccontato Francesco Fontana Giusti di Renault Italia – presentiamo il massimo di gamma Renault. Quello che abbiamo ottenuto con queste macchine è il riassunto perfetto tra design francese, stile, comodità e tecnologia”. 
GAMMA INITIALE PARIS renault

A guardare nel dettaglio, il capitolo French Design è poi quello suggerito sulle macchine da particolari come la tinta, quel nero così particolare da essere cangiante a seconda della luce e dell’angolazione con la quale si riflette sull’auto, ma anche dai particolari cerchi in lega e dagli interni in pregiata pelle. Sul fronte comodità, o se vogliamo dirla come chi la sa lunga, sul fronte ‘easy life’, a fare la differenza sui nuovi modelli Renault sono invece il sistema di parcheggio assistito, il raffinato impianto sonoro targato Bose (vuoi mettere ascoltare ‘J’ai deux amours’ di Josephine Baker con il suono giusto e circondato da stile parigino in abbondanza?), oltre ad un efficace sistema multimediale.