Musica, mojito e libertà: al Primavera con Bacardì

Dentro la notte del "Sound of Rum", per vivere a pieno fino all'alba
Un'immagine del bar realizzato da Bacardì al Primavera

Un'immagine del bar realizzato da Bacardì al Primavera


Un grande dilemma per gli affezionati del Primavera Sound Festival è “Che cosa diamine faccio di pomeriggio?”. A meno di non avventurarsi in centro verso il Pueblo di Barcellona o aver voglia di allungare verso le spiagge, l’incognita è sempre questa. Da un paio di anni la risposta è arrivata: l’apertura dello spazio Bits, ovvero l’insieme di piccoli palchi alternativi a forte connotazione elettronica, a un metro – o pure meno – dal mare, che aprono di pomeriggio e che accompagnano, forti di una location pazzesca, gli avventori più impazienti. E noi, che siamo i più impazienti di tutti, ci siamo passati eccome. Soprattutto ci siamo fermati a degustare i clamorosi Original Bacardí Mojito serviti nel nostro bar preferito, ovvero la location tutta eco-friendly che ha accompagnato di fatto uno degli stage più importanti del festival (tra l’altro, mojito rigorosamente serviti senza cannucce di plastica, per essere in linea con la campagna “No-Straw” iniziata nel 2016 per salvaguardare l’ambiente).

Un po’ di highlight visti sul Bacardí stage? La disco live di Floating Points, il set dei Mount Kimbie, le nostalgie di James Holden, l’incredibile dj set di Mike D “from Beastie Boys”, la sensualissima Jorja Smith, i nostri colorati amici Superorganism. E poi Jon Hopkins, le atmosfere pazzesche di Oneohtrix Point Never e i ballettini black di Majid Jordan. Insomma, come potete immaginare non siamo mai stati fermi. Un concentrato di musica che definisce il nuovo “Sound of Rum”, ovvero il ritmo che ha dato vita al rum Bacardí. Che, ok, è stato generato dal reggae e dalla dancehall, ma sta invadendo nuovi mondi paralleli, come hip hop ed elettronica, ampiamente esaminate nelle notti di Barcellona. C’è una costante, il divertimento senza pensieri, amplificato dalla vicinanza del mare e dalla voglia di festa che si respira in ogni angolo del Primavera Festival. D’altra parte, «“Segui il tuo ritmo” è il motto del nostro rum», spiega Luca Marroni, Brand Manager di Bacardí. «Bacardí ha nel proprio DNA il desiderio di essere presente in tutti quei momenti di liberazione, che permettono di sentirsi vivi e godere appieno la vita». E diciamo che anche noi abbiamo seguito i consigli, godendo dei ricercati e goderecci beat della notte di Barcellona.

Il palco Bacardí Live al Primavera è soltanto uno dei primi step di musica che seguiremo quest’estate, cercando di resistere al ritmo serrato e pieno di energia di Bacardí. L’agenda è molto fitta e i nomi sono davvero interessanti. Il legame tra il brand e il mondo della musica si fa sempre più stretto. Per fortuna nostra.