Home Pop & Life News

Abbiamo intervistato Ghemon prima che partisse per Parigi, grazie a Periscope

Questo weekend Ghemon parte per le celebrazioni dei trent'anni delle Jordan in Francia come inviato di Nike. È venuto a raccontarci la sua passione per il basket e a mettersi alla prova al tiro libero

Ormai ci abbiamo preso gusto e Periscope, la nuova applicazione di Twitter è entrata prepotentemente nella quotidianità della vita di redazione di Rolling Stone. Abbiamo lanciato il nostro account insieme a Max Pezzali, con un’intervista in tempo reale per presentare il nuovo album Astronavemax. Uno streaming interattivo al quale avete potuto partecipare in tantissimi grazie a Periscope e che potete rivedere qui. Non avete ancora scaricato l’applicazione? È gratuita e disponibile su iTunes e ora anche su Google Play.

L’abbiamo fatto di nuovo con Ghemon, ma in un’occasione speciale, quella del suo viaggio verso Parigi per andare a festeggiare con Nike i trent’anni delle Jordan: un weekend carico di eventi (qui i dettagli) che Ghemon vivrà in prima persona come inviato speciale del brand e che racconterà attraverso i suoi canali social, con l’hashtag #WeAreJordan o seguendo l’account del marchio: @jumpman23.

Abbiamo provato a evitare di parlare di musica e abbiamo puntato tutta sulla sua passione per il basket e le sneakers. Gli abbiamo chiesto delle finali Nba e di quelle italiane e l’abbiamo anche messo alla prova al tiro libero (beh, oddio, cestino e palline di carta). Vi diciamo solo che ha chiesto scusa a Belinelli per la percentuale.

Leggi anche