Come suona Nuova SEAT Arona? | Rolling Stone Italia
Home Pop & Life News

Come suona Nuova SEAT Arona?

Abbiamo portato a Barcellona tre party-harder per seguire il Primavera Club e per testare Arona, il nuovo urban crossover di SEAT

Uno degli scatti dell'Arona Party di SEAT a Barcellona - Foto di GuilleGS

Uno degli scatti dell'Arona Party di SEAT a Barcellona - Foto di GuilleGS

È stata proprio Ema Stokholma a dare il ritmo alla nostra SEAT experience, una playlist a metà tra gangsta e bionda style: rap, trap, pop punk anni novanta e una spruzzata di Spice Girls. «Com’è l’auto?» le abbiamo chiesto alla partenza, in una delle nostre Instastories, diario di viaggio attraverso cui abbiamo portato a bordo di SEAT Arona tutta la nostra community social. «Spacca!» risponde lei mentre si collega all’ultra-tecnologico sistema BeatsAudio™, un impianto audio nato apposta per alzare al massimo il volume e l’energia. Accanto a Ema, alla guida del nuovo crossover SEAT che abbiamo potuto provare in anteprima a Barcellona, la sua compagna di viaggio (anche per Pechino Express) e nuova BFF Valentina Pegorer. E a dare il cambio alla guida a metà test drive è salita anche la dj Tina Baffy, reduce dalla notte brava al Primavera Club. Chi è stata la più grintosa al volante? Le ragazze hanno lanciato un sondaggio su Instagram per chiedere ai loro follower di scegliere e a vincere è stata Valentina.

 

Sempre in giro per il mondo noi due! #clubber #barcellona #SEATarona #SEATbestmoments @seatitalia @rollingstoneitalia

Un post condiviso da Ema Stokholma (@emastokholma) in data:

Il viaggio di Rolling Stone nella città catalana, in occasione del Primavera Club e dell’uscita del nuovo urban crossover di SEAT è stato un week-end di sole a base di tapas, skater, street-art e tanta, tanta musica nuova. Ma il bello è arrivato la notte, quando abbiamo seguito le party-harder alla tre giorni all’Apolo Club. Non è stato per niente facile, ma siamo riusciti a tenere il passo di Ema, Valentina e Tina, queste tre furie da dancefloor.

Lo spin-off di uno dei festival estivi più importanti d’Europa aveva anche l’obiettivo di suggellare il legame stretto dal brand automotive spagnolo del gruppo Volkswagen con il precedente Primavera Sound, che si svolge proprio a Barcellona, sede storica anche di SEAT.
L’ultima edizione è da ricordare, oltre che per il clamoroso forfait di Frank Ocean, anche e soprattutto per le esibizioni stellari (annunciate e a sorpresa) di artisti del calibro di Arcade Fire, Bon Iver, Aphex Twin, Mogwai e XX. La line-up del Primavera Club si è rivelata una ventata di freschezza, una vera e propria botta di vita. Lo spin-off del Primavera Sound è stato infatti ideato dagli stessi organizzatori per dare spazio ai nuovi nomi della scena musicale, con l’obiettivo di sceglierne quattro e portarli a suonare sui palchi del Parc del Forum di Barcellona la prossima estate.

Le due ore a bordo della Nuova Arona insieme alle tre clubber, con la musica a palla (sparata da ben 6 altoparlanti, un amplificatore a 8 canali da 300 W e un subwoofer nel bagagliaio), sono state l’ideale per testare l’impianto audio dell’auto. Il sistema BeatsAudio™, infatti, è stato progettato da un team di sound engineer presi in prestito dalla loro attività di polistrumentisti, dj e produttori.
L’audio ultra-tecnologico si sposa alla perfezione con il carica batterie wireless, l’amplificatore GSM da ricezione perfetta ed il mega display a colori da 8”, fino a renderlo il punto di forza del crossover. Un’auto con livrea bicolor, bagagliaio da 400 litri perfetto per una vacanza e un motore benzina da 95/150 CV o diesel da 95/115 CV.

I colori di Poblenou, tappa obbligata nei luoghi della street-art più rappresentativi di Barcellona, sono stati la degna conclusione del nostro test drive tra le vie della città, prima di tornare a seguire i live del festival. Tra gli input più elettrizzanti di questo week-end abbiamo apprezzato la vena new wave dei DBFC, band di Manchester composta per 3/4 da francesi, e il neodiciottenne inglese Yellow Days a cui comunque non va lo scettro di artista più precoce del festival, che spetta alla cantante del collettivo di chiusura della line-up: i Superorganism.