Home Pop & Life News

BMW presenta la prima moto tatuata

La prima opera d'arte su due ruote, realizzata da Marco Manzo, artista tatuatore, concepita per essere la particolare unione di due mondi, quello dell’arte e quello dei motori

La R nineT, prodotta da BMW Motorrad in occasione dei 90 anni del Marchio, si presenta nella sua versione dalla livrea tatuata, che strizza l’occhio all’universo del custom e agli amanti dell’arte contemporanea con forcelle, cerchioni, mascherine, copri punterie in foglia d’oro, come a ricordare la preziosità di una cornice.

Dopo essere entrato a far parte dell’Olimpo dei migliori tatuatori al mondo, e di avere il primato di aver introdotto l’arte del tatuaggio in un concetto artistico d’elite, essendo presente con le sue opere nei più importanti musei d’arte contemporanea al mondo come il Moma di New York e il Maxxi di Roma, Marco Manzo si inserisce in un contesto artistico esclusivo.

La livrea tatuata della BMW R nineT realizzata dal maestro Marco Manzo

La livrea tatuata della BMW R nineT realizzata dal maestro Marco Manzo

La prima moto tatuata, è stata esposta nella galleria Benucci a Roma durante l’Alta Moda Roma, tra sculture di De Chirico e Botero, le tele di Luca Signorelli e Giambattista Tiepolo, e quelle contemporanee di Giacomo Balla, Piero Manzoni e Lucio Fontana, entrando a far parte dell’arte italiana.

Con una minuziosa tecnica manuale di lavorazione a rilievo, composta da tante infinite e minuscole gocce color oro, è stato disegnato da Marco Manzo un unico tatuaggio che corre per la intera lunghezza della moto, utilizzando lo stesso identico stile ornamentale proprio dei suoi tattoo, quello che fonde elementi diversi di decorazioni ed ornamenti, come l’ipnotico che utilizza la tecnica del puntinismo, il mandala che rinvia a simbologie etniche. Un gioco perfetto di fusione stilistica, artigianale e meccanica.

Il tattoo, una delle forme grafiche più antiche, entra di prepotenza nel mondo BMW Motorrad con una interessante unione tra il mondo dell’arte del tatuaggio e quello dei motori, utilizzando proprio la sua simbologia come moderno elemento espressivo di purezza e libertà artistica.

Marco Manzo è docente nei Corsi Professionali in materia di igiene sul lavoro e tecnica di tatuaggio di 90 e 400 ore, da sempre il suo studio è stato ritenuto uno dei più tecnologici e all’avanguardia rispetto ai canoni di igiene e sicurezza del settore.

La BMW R nineT realizzata da Marco Manzo è la prima moto tatuata

La BMW R nineT realizzata da Marco Manzo è la prima moto tatuata

Ad oggi è considerato il precursore dello stile ornamentale, maestro del tribale e dello stile 3d.

Le sue opere sono pezzi unici, esposti anche in alcuni tra i più importanti Musei di Arte Contemporanea del mondo. In Italia è stato il primo Tattoo Artist ad attestare l’unicità e l ‘autenticità dei suoi tatuaggi con il rilascio di una certificazione.

Marco Manzo, uno degli artisti del settore con oltre cinquanta premi nazionali ed internazionali, tra cui gli ultimi assegnati alle grandi convention di Milano, Parigi, New York e Berlino, ha presentato a febbraio scorso sulla passerella dell’Alta Moda di Roma le sue creazioni, vere e proprie costruzioni di raffinati pizzi e trine tatuati con genialità e tecnica direttamente sulla pelle delle modelle invece che sul tessuto.

Leggi anche