Home Pop & Life News

Un’asta contro l’Aids
(con delle foto bellissime)

Moncler ha chiesto a una trentina di fotografi di partecipare all'iniziativa benefica a favore dell'amfAR, per il progetto "Countdown to a Cure", che punta a trovare una cura entro il 2020

Una foto tratta da ART FOR LOVE di Brigitte Lacombe

Una foto tratta da ART FOR LOVE di Brigitte Lacombe

Una mostra, un libro e un’asta che racchiudono i lavori di trenta dei più importanti fotografi del mondo. Un lavoro importante con un nobile scopo. Moncler ha creato ART FOR LOVE, un progetto per sostenere amfAR, ha inaugurato lo scorso 11 settembre a New York, con un evento importantissimo presso The New York Public Library.

Tutte le opere in mostra, i cui proventi saranno interamente devoluti all’associazione, sono ora andate all’asta, attualmente online su Paddle8.

«Sono molto orgoglioso di essere di nuovo insieme a amfAR e di poter contribuire con Moncler alla raccolta fondi per il progetto “Countdown to a Cure”, la cui finalità è di trovare una cura per l’AIDS entro il 2020», dice Remo Ruffini, presidente di Moncler. «I progressi ottenuti grazie ad amfAR nel settore della ricerca, della prevenzione e dell’educazione rafforzano il mio entusiasmo per l’adesione a questa incredibile causa».

Al centro dei lavoro, il piumino Maya di Moncler, reinterpretato nei modi più creativi da oltre trenta, tra i più importanti al mondo. Qualche nome? David Bailey, Patrick Demarchelier, Arthur Elgort, Inez and Vinoodh, Brigitte Lacombe, Annie Leibovitz, Peter Lindbergh, Steven Meisel, Terry Richardson, Paolo Roversi, David Sims e Bruce Weber.

«Se qualcuno volesse capire come stanno lavorando i più grandi fotografi del momento, tutti uniti in un progetto veramente unico, è tutto qui, in trentadue immagini che in modo molto diverso interpretano con grande libertà il duvet Moncler», racconta Fabien Baron, curatore della mostra.