Home Pop & Life News

1926, un’annata davvero speciale

Nell’anno in cui nasce Stella Artois, grandi personalità vengono al mondo. Qualche nome? Dario Fo e Marylin Monroe o Elisabetta II. E poi Winnie the Pooh e il Napoli Calcio…

1926, un’annata davvero speciale

Ci sono annate speciali e il 1926 è una di queste. A Natale di quell’anno la prima Stella Artois era messa in commercio, e di conseguenza bevuta, con grande godimento dei fortunati. Allo stesso tempo, venivano al mondo una serie di altre personalità destinate ad incidere e non poco sugli anni a seguire.

Il 21 aprile 1926, al numero 17 di Bruton Street a Mayfair, Londra, alle 2 e 40 nasceva Elizabeth Alexandra Mary, dall’età di 25 anni regina del Regno Unito di Gran Bretagna e Irlanda del Nord. Suo padre era il principe Albert, poi re Giorgio VI, sua madre Elizabeth Bowes-Lyon, duchessa di York. Ancora oggi è al suo posto sul trono, con la solita eleganza di sempre.

Il 1 giugno veniva al mondo un’altra donna che con la sua personalità ha cambiato il corso della storia, questa volta del cinema e del costume. Norma Jeane Mortenson Baker nacque a Los Angeles, la città di Hollywood, che ha contribuito a creare con il suo stesso mito: quello di Marylin Monroe. Con i suoi capelli biondi, la sua bellezza mozzafiato e le sue mosse trasgressive è diventata un’icona capace di resistere negli anni.

Qualche giorno prima, in tutt’altro contesto, in provincia di Varese, nasceva un altro gigante: Dario Fo. Era figlio di Felice, che faceva il capostazione in un piccolo paese e nel tempo libero faceva l’attore amatoriale. Da lì il suo ragazzo, poi trasferito a Milano, ne ha fatta di strada: “Seguendo la tradizione dei giullari medievali, dileggia il potere restituendo la dignità agli oppressi”, con queste motivazioni il 9 ottobre 1997 fu insignito del Nobel alla Letteratura.

Non solo grandi protagonisti della politica internazionale o del mondo dello spettacolo, nel 1926 apparve per la prima volta anche un notissimo… orsacchiotto. Fu in quell’anno, infatti, che lo scrittore britannico Alan Alexander Milne per la prima volta pubblicò una storia con protagonista Winnie the Pooh, un orso di pezza particolarmente saggio, simpatico e ghiotto di miele. Dopo la morte di Milne, i diritti della creatura passarono alla Disney, di cui ancora oggi è uno dei personaggi più amati.

Altrettanto importante è il 1926 se siete appassionati di pallone. Allora, infatti, vennero istituite due società tra le più gloriose del nostro Paese. In agosto, su iniziativa dell’industriale tessile Giorgio Ascarelli, sorgeva la Società Sportiva Calcio Napoli. Lo stesso mese, qualche centinaia di chilometri più a Nord, con la fusione tra la Palestra Ginnastica Fiorentina Libertas e il Club Sportivo Firenze, veniva fondata l’Associazione Calcio Fiorentina.

Leggi anche